Architettura

Architettura presidenziale, ecco dove abiteranno gli Obama

Dicembre 16, 2016

scritto da:

Architettura presidenziale, ecco dove abiteranno gli Obama

Di qui a poco più di un mese, per la precisione il 20 gennaio 2017, Donald Trump giurerà a Washington entrando in carica come nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America nonché come inquilino ufficiale della White House: per Barack Obama e famiglia è dunque tempo di trasloco.

 

Aspettando di sapere quale sarà la sorte del già rimpianto orto di Michelle, cominciano ad arrivare le prime indiscrezioni sulla nuovo domicilio degli Obama, che pare abbiano cominciato a pensarci seriamente fin dalla primavera scorsa.

 

La scelta ricadrà probabilmente su una lussuosa villa costruita nel 1928 e situata nel quartiere di Kalorama a Washington, città dove la (non più tanto) piccola Sasha potrà concludere gli studi secondari, mentre la sorella maggiore seguirà presto le orme paterne nella blasonatissima Harvard.

 

La villa, di proprietà di un ex portavoce del Presidente Bill Clinton, ha un valore stimato intorno ai 6 milioni di dollari, e per soggiornarvi i coniugi Obama pagheranno un presumibile affitto di circa 22 mila dollari al mese.

 

Segni particolari dell’abitazione sono uno spazioso cortile laterale, che potrà comodamente ospitare veicoli e mezzi dei servizi segreti incaricati di proteggere la ex famiglia presidenziale, e un’ampia e accessoriata suite che verrà probabilmente destinata all’illustre suocera, la sempre presente madre di Michelle.

 

Per quanto riguarda gli interni, gli ambienti sono ispirati ad uno stile che si potrebbe definire “sobriamente sfarzoso”: soggiorno luminoso scaldato dal camino, marmo e parquet in cucina, tonalità chiare dominati in tutte le stanze, arredi contemporanei dal gusto leggermente classico, per un totale di nove stanze da letto e otto bagni.

 

D’altronde, alla Casa Bianca ci si abitua a stare larghi.