Architettura

Calatrava sfida l’altezza con la torre di Dubai

Novembre 11, 2016

scritto da:

Calatrava sfida l’altezza con la torre di Dubai

The Tower at Dubai Creek Harbour, firmata Santiago Calatrava. Il nome, maestoso, pare già una dichiarazione d’intenti, se pensiamo che a “pronunciarla” è uno degli architetti più celebri (e discussi) del nostro tempo.

 

E in effetti c’è da aspettarsi molto dai lavori di costruzione di questo grattacielo, che si annuncia come il più alto del mondo, anche se lo studio d’architettura e la committenza non lasciano trapelare indiscrezioni sull’entità effettiva dell’altezza, forse perché si temono “sorpassi” dell’ultimo minuto da parte di potenziali concorrenti.

 

La Torre sarà il biglietto da visita per l’Esposizione Universale del 2020, che si svolgerà proprio a Dubai, e sorgerà entro quella data all’interno del complesso immobiliare in via di realizzazione ad opera di Emaar Properties, gruppo tra i più importanti al mondo nel settore edilizio.

 

L’ispirazione viene innanzitutto dalla tradizione araba, evidente nella ripresa del duplice modello del giglio e del minareto, ma si integra alla perfezione con le più avanzate tecnologie, in termini di sostenibilità, di valore ingegneristico, con uno sguardo attendo alle tendenze del design contemporaneo.

 

Un esile “stelo” funge da spina dorsale dell’edificio, mentre le foglie del giglio sono evocate dalla complessità delle nervature strutturali che lo connettono al suolo; in cima, il panorama mozzafiato sulla città visibile grazie alla Pinnacle Room, un suggestivo mosaico di terrazze, balconi girevoli e giardini sospesi.

 

Se l’illuminazione sarà basata su un sistema dinamico, attivo giorno e notte, l’impianto climatico si fonderà su un processo di raccolta dell’acqua piovana, da riutilizzare per la pulizia delle facciate, in aggiunta ad un sofisticato meccanismo di schermatura solare: l’obiettivo è il massimo risparmio energetico, valorizzato anche da un’intelligente distribuzione diffusa della componente vegetale.

 

Un vero e proprio fuoco d’artificio architettonico, che non vediamo l’ora di veder brillare sullo skyline di Dubai.

https://youtu.be/tb8eOV0s5bA