Architettura

Crystal Suite, la Glass House che parla italiano

Novembre 3, 2016

scritto da:

Crystal Suite, la Glass House che parla italiano

Anche l’Italia ha la sua Glass House. Dopo il capolavoro di architettura verde progettato negli Stati Uniti da Philip Johnson, lo studio Dream&Charme ha realizzato, nel cuore verde e collinare del Monferrato, la nuova Crystal Suite, nata da un’antica limonaia locale trasformata in un’abitazione di lusso.

 

Lo scopo è quello di ridurre al minimo l’impatto ambientale, grazie all’impiego di una struttura in cristallo e acciaio che rende permanente il dialogo fluido tra spazio interno e ambiente esterno, abitabile per il weekend o per singole notti da parte di chi voglia vivere un’esperienza a diretto contatto con il territorio.

 

Ma l’esclusività del progetto non termina qui: di volta in volta Crystal Suite si trasforma in un sofisticato showroom, dove noti marchi di design sono chiamati ad arredare con stile gli interni di questa suggestiva casa trasparente.

 

Tra i brand più famosi che hanno partecipato al progetto si annoverano nomi della caratura di Cassina, De Padova, Boffi, Nemo, Mitsubishi Electric, Effegibi, Platek, Salvatori, Samsung, Greenwood, Solbian, Simontech, Xeniadesign, Technogym, Technogel, Kerakoll, Roda, Edilkamin, AG&P, Eberhard, Gessi, Lualdi, Wekiwi.

 

Un’idea americana declinata in chiave italiana (il sito della campagna piemontese che la ospita è stato dichiarato Patrimonio dell’Unesco nel 2014) ma anche una nuova frontiera abbattuta per il concetto di struttura ricettiva.