Architettura

Hanse Merkur, la sede di Amburgo gioca con gli stili

Novembre 25, 2016

scritto da:

Hanse Merkur, la sede di Amburgo gioca con gli stili

Stili in equilibrio e contrasti di bellezza sono due espressioni che descrivono in maniera efficace l’aspetto assunto nel tempo dalla sede di Hanse Merkur ad Amburgo, importante società di assicurazioni accasata fin dalle origini presso lo storico edificio Haus Wedells e oggi cresciuta a tal punto da aver occupato e ridisegnato l’intero complesso, diventato un concentrato sorprendente di epoche e visioni architettoniche sovrapposte.

 

Partendo dalla necessità di restituire coerenza e ordine ad una struttura dai caratteri inconfondibili, lo studio d’architettura Querkopf-Architekter è intervenuto per progettare il nuovo volto della sede, scegliendo di focalizzarsi sull’area d’ingresso, che si trasforma nel biglietto da visita del luogo, dimostrando una notevole capacità d’impatto sul visitatore.

 

Gli architetti Wasfy Taha e Fionn Mögel hanno infatti introdotto un suggestivo corridoio di vetro come elemento guida nel percorso che conduce dall’entrata agli interni, collegando tra loro i diversi blocchi strutturali e creando una scenografia che colpisce immediatamente lo sguardo.

 

L’impianto dell’ingresso è formato da un padiglione rettangolare anch’esso completamente di vetro, cui si aggiunge una facciata di sei metri di lunghezza.

 

Priva di colonne, la struttura si regge inoltre su un’ossatura di profili d’acciaio che trasferiscono il carico ai montanti della facciata, distribuendo così l’ingente peso in modo tale da non gravare sul parcheggio sotterraneo.

 

Dettaglio finale e vero e proprio effetto speciale: la decisione di rafforzare e rendere unico l’ingresso mediante l’inserimento di un tetto dalle linee scultoree, realizzato in HI-MACS® e lungo sei metri, che si avvolge attorno al padiglione come un filo, in un movimento asimmetrico.

 

Perchè mai come in questo caso l’unicità è il risultato di un’intelligente contaminazione.