HI-MACS a Napoli per il Cristo Velato HI-MACS a Napoli per il Cristo Velato
Architettura

HI-MACS a Napoli per il Cristo Velato

Scritto da Redazione |

19 Dicembre 2017

Tra i luoghi imperdibili di Napoli, quelli destinati a segnare il ricordo di chi la visita, c’è senza dubbio la Cappella Sansevero, un gioiello di arte barocca il cui museo ospita il celeberrimo Cristo Velato, scultura di marmo mozzafiato realizzata da Giuseppe Sanmartino.

Proprio qui è avvenuta la recente apertura al pubblico del nuovo bookshop: in linea con la crescita del museo, infatti, si era reso necessario provvedere alla sostituzione degli arredi esistenti con altri dal layout più funzionale e dal design più identitario, rispettosi della fine ricchezza dello spazio circostante. 

L’intervento, progettato dall’architetto e designer Marita Francescon, è stato realizzato all’interno della sagrestia, ultima tappa del percorso museale, puntando a un’opera conservativa, che non ha alterato l’aspetto del luogo ma che anzi vi si è inserita con consapevolezza, attraverso l’integrazione di volumi e arredi geometrici e dai colori neutri. 

Focus dell’intervento è la trama incisa sulle superfici verticali degli elementi, ispirata al motivo del pavimento labirintico originale della Cappella, ideato da Francesco Celebrano nella seconda metà del 1700. 

Proprio il pattern, simbolo della Grande Opera e carico di rimandi alla tradizione esoterica, è stato catalizzatore dell’incontro tra antico e moderno, dal momento che è stato inciso su un materiale solid surface di ultima generazione come HI-MACS

HI-MACS è una pietra acrilica formata da minerali, materiali acrilici e pigmenti naturali, che dà origine a superfici prive di pori altamente resistenti e igieniche; termoformabile con semplicità in qualunque forma o dimensione, è un supporto di facile utilizzo, lavorabile anche con semplici strumenti di falegnameria, come nel caso di questi arredi. 

Anche i corpi illuminanti preesistenti, divenuti obsoleti, sono stati sostituiti da una nuova illuminazione con tecnologia LED, che amplifica ulteriormente l’effetto di eterea leggerezza conferita dal bianco candore degli arredi. 

In questo modo, i nuovi arredi del bookshop, studiati per dare risalto alla merce esposta, non risultano solo belli esteticamente, ma anche perfetti per un utilizzo intenso, grazie alle loro qualità di resistenza, igiene e facilità di manutenzione. Grazie alle qualità di HI-MACS.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

007 Elements, un bunker design per James Bond e i suoi fan

Successivo

Il progetto di Rojkind Arquitectos per l’Orchestra Filarmonica di Boca del Rio

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma
Architettura

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico e artista: nel corso della sua vita, iniziata e conclusa a...

Martini, il mobile veronese verso il 2020
Design

Martini, il mobile veronese verso il 2020

Per chi fa impresa i cambiamenti della società e del mercato generano ogni giorno nuove sfide: quando queste interessano il...

 Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti
Design

Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti

Sponge, “spugna”, è il nome della collezione di vasi da fiori progettati dall’architetto e designer italiano Moreno...