Architettura

Il nuovo Campus Internazionale di Humanitas University a Milano

Novembre 22, 2017

scritto da:

Il nuovo Campus Internazionale di Humanitas University a Milano

In occasione delle celebrazioni per l’apertura del nuovo anno accademico 2017/2018, lo scorso 14 novembre, è stato inaugurato il nuovo Campus Internazionale di Humanitas University, in località Pieve Emanuele, comune appartenente all’area metropolitana di Milano. 

Situato nelle strette vicinanze dell’ospedale, il progetto è stato realizzato dall’architetto Filippo Taidelli di Studio FTA e vuole essere l’occasione per costruire e potenziare il network che coinvolge docenti, allievi, ricercatori e visitatori, attraverso una rete di spazi operativi e informali. 

Il complesso si articola in tre volumi principali che ospitano l’edificio polifunzionale con mensa, biblioteca e funzioni comuni, il polo della didattica con il Simulation Center e i laboratori di ricerca; essi si organizzano attorno a una piazza aperta sulla quale si affacciano grandi vetrate in corrispondenza degli ingressi principali. 

Tali ingressi si distinguono per lo spazio fluido, caratterizzato da doppie e triple altezze, con ampie terrazze utilizzabili come aule all’aperto, in modo da costituire sì un ambiente gradevole ma anche e soprattutto favorendo l’orientamento dell’edificio, tale da aumentare l’irraggiamento solare e ridurre le dispersioni. 

Inoltre, anche le corti interne vetrate garantiscono il massimo apporto di luce naturale, limitando il dispendio energetico per l’illuminazione e in più potenziando il senso di continuità tra interno ed esterno. 

In definitiva, le strategie per il risparmio energetico comprendono la facciata ventilata con rivestimento in grès, i pannelli fotovoltaici e solari termici, l’impianto di Building management system (Bms), l’impianto di riscaldamento con pompa di calore geotermica e il raggiungimento della classe energetica CENED A3. 

Protagonista del Campus Humanitas è però sicuramente il Simulation Center, luogo d’eccellenza destinato alla pratica in ambito medico e chirurgico in cui sono ricostruiti in modo fedele gli ambienti di una moderna struttura ospedaliera. 

Accanto al nuovo campus sorgerà infine, entro l’estate 2018, una residenza universitaria, con una superficie pari a 8000 metri quadri e 240 posti letto, progettata anch’essa dallo Studio FTA di Filippo Taidelli e destinata astudenti e ricercatori.