Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova
Architettura

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova

Scritto da Redazione |

24 Novembre 2017

Si chiama Gioia22 il progetto per il nuovo grattacielo direzionale che sorgerà nel quartiere milanese di Porta Nuova, andando a sostituire il vecchio edificio INPS situato appunto in Via Melchiorre Gioia 22, inutilizzato dal 2012. 

Dopo un necessario un intervento di bonifica per la rimozione di materiali pericolosi come l’amianto e la seguente demolizione, la posa della prima pietra è prevista per l’estate del 2018 e il completamento dei lavori dovrebbe realizzarsi entro il 2020

Il complesso, la cui progettazione è affidata allo studio di architettura Pelli Clarke Pelli Architects, si articolerà su 26 piani fuori terra, per un’altezza totale di 120 metri, cui si aggiungeranno altri quattro livelli interrati. 

Altissimi saranno gli standard di innovazione tecnologica e di risparmio energetico, in quanto GIOIA 22 vuole ottenere la certificazione LEED: ciò sarà reso possibile dall'approccio Cradle to Cradle nella scelta dei materiali e dalla limitazione i consumi grazie all’introduzione delle più efficaci pratiche di edilizia sostenibile e di sistemi per la mobilità green. 

Così l’architetto Gregg Jones che seguirà i lavori: 

L’originale forma della torre rappresenterà il risultato della confluenza di due tessuti urbani e al tempo stesso la risposta all’esigenza di ottimizzazione della luce e dell’energia solare. La combinazione di questi due fattori ha determinato la singolarità di una forma dinamica in grado di esprimere in modo autentico la sua particolare collocazione nello skyline milanese”. 

L’intervento andrà ad arricchire ulteriormente quella che è già una delle zone di Milano a più alto tasso di rinnovamento urbano, dimostrando ancora una volta lo slancio della città verso nuove prospettive edilizie in grado di coniugare prestazione economica, sostenibilità e rendimento sociale.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Lo studio in cappella: la nuova sede di Klaarchitectuur

Successivo

La biblioteca più grande del mondo è realtà: il progetto di MVRDV

ISH Francoforte, MODULA di AQUAelite è una sintesi di acqua e luce
Design

ISH Francoforte, MODULA di AQUAelite è una sintesi di acqua e luce

Non esiste probabilmente migliore occasione per festeggiare la crescita sul mercato nazionale e internazionale durante...

David Adjaye: Making Memory, l’architettura a confronto con la memoria
Architettura

David Adjaye: Making Memory, l’architettura a confronto con la memoria

Una riflessione approfondita sul rapporto tra architettura e memoria è quella che va in scena fino al 5 maggio al Design...

Design, colore e qualità Made in Italy: gli spazi contemporanei di Alma Design
Design

Design, colore e qualità Made in Italy: gli spazi contemporanei di Alma Design

Gli ambienti contract sono aree della collettività: per questo è importante che siano confortevoli e accoglienti, con...