Il nuovo stadio di Zaha Hadid per i Mondiali del Qatar Il nuovo stadio di Zaha Hadid per i Mondiali del Qatar
Architettura

Il nuovo stadio di Zaha Hadid per i Mondiali del Qatar

Scritto da Redazione |

31 Maggio 2019

Inaugurato lo scorso 16 maggio e dunque pronto a ospitare le partite dei Mondiali FIFA 2022 in Qatar, Al Janoub è il nuovo stadio di Doha firmato dallo Studio Zaha Hadid Architects e destinato a diventare il simbolo della riqualificazione della zona di Al Wakrah, originariamente a vocazione marinara.

Situata a circa 15 chilometri dalla capitale, alla quale è collegato dalla nuova linea metropolitana, il progetto per lo stadio è ispirato alle vele delle dhow, le tradizionali imbarcazioni arabe con vele triangolari, ma al tempo stesso aggiunge alcuni elementi innovativi che rendono la struttura più funzionale in relazione al contesto climatico e ambientale.

In particolare, grazie alla collaborazione con l’ingegnere tedesco Schlaich Bergermann Partner, la copertura dello stadio è costituita da un tetto mobile in tessuto pieghettato in politetrafluoroetilene (PTFE) e può così essere esteso imitando l'aspetto di una vela: l’obiettivo è riparare giocatori e spettatori ma anche refrigerarli, grazie ad un sofisticato sistema di pompaggio dell’aria condizionata che viene raccolta, riciclata e raffreddata.

Infine, lo stadio ha una capienza massima di 40 000 posti che può però essere ridotta grazie alla presenza di strutture temporanee, da smontare e rimontare a seconda delle necessità.

Un progetto ad alto impatto scenografico che mostrerà tutto il suo potenziale proprio nel 2022, quando a illuminarlo ci saranno i riflettori dell’intero pianeta.

Fotografie di Hufton + Crow.

Questo articolo parla di:

Precedente

Dalla Russia alla Persia, l’architettura ibrida lungo la Via della Seta

Successivo

Le Village a Milano, DEGW ridisegna lo spazio di lavoro in un chiostro antico

Le nuove sedie di Furman hanno le forme del corpo umano
Design

Le nuove sedie di Furman hanno le forme del corpo umano

“Una gioiosa e tenera celebrazione del corpo umano”: il designer Adam Nathaniel Furman definisce così la collezione di...

HI-MACS, forme curve e performance materica per la clinica di Valencia
Architettura

HI-MACS, forme curve e performance materica per la clinica di Valencia

Evocare le forme rotonde e morbide di una donna in gravidanza attraverso l’edificio deputato a ospitarla, ossia quello della...

Islands, il design fiabesco di Alessandra Baldereschi per IVV
Design

Islands, il design fiabesco di Alessandra Baldereschi per IVV

 In occasione di Maison&Objet 2020, la fiera internazionale dedicata al lifestyle, alla decorazione e al design in...