Architettura

Jikka, le capanne del benessere per gli anziani giapponesi

Dicembre 1, 2016

scritto da:

Jikka, le capanne del benessere per gli anziani giapponesi

Intorno al 1200 AC, in quello che in Giappone viene definito il periodo Jomon, le popolazioni locali vivevano in semplici capanne interrate, a stretto contatto con la natura.

 

Una tradizione arcaica che oggi viene ripresa dall’architetto di Tokyo Issei Suma per costruire Jikka, una struttura di ricovero per anziani situata tra le montagne che è allo stesso tempo un’abitazione, una pensione e un ristorante, in modo da garantire agli ospiti tutto ciò di cui hanno bisogno.

 

L’edificio copre una superficie totale di 100 metri quadrati e si articola in cinque strutture poste l’una accanto all’altra, caratterizzate da una base quadrata e dalla presenza di un tetto di forma conica: nell’insieme, esse costituisco un unico ambiente dotato di cucina, bagno, camere da letto e addirittura di una piscina coperta.

 

Per quanto riguarda i materiali utilizzati, l’architetto ha scelto di concentrarsi sulle applicazioni edilizie del calcestruzzo e delle travi in legno, mentre il rivestimento è stato realizzato impiegando pannelli sottili e leggeri, fabbricati con il tipico cipresso nipponico.

 

Ne deriva uno spazio elegante e confortevole che dialoga con il paesaggio circostante parlando la lingua del minimalismo orientale, evocando il passato in chiave contemporanea per lasciarsi trasportare da una spiritualità davvero ancestrale.