La casa dei sogni? Ora la costruisci tu La casa dei sogni? Ora la costruisci tu
Architettura

La casa dei sogni? Ora la costruisci tu

Scritto da Redazione |

13 Maggio 2016

Se il lusso del futuro sarà il custom made, la personalizzazione a tutti costi, in architettura le conseguenze si stanno già vedendo. Chiunque sarà nelle condizioni non solo di avere la casa dei sogni, ma addirittura di progettarla, senza bisogno di una laurea in architettura ma semplicemente seguendo le istruzioni di un sistema automatizzato. Insomma, il caro vecchio fai da te, ma in versione 2.0. E il gioco, anzi, la casa è fatta.

 

Per esempio, in California la startup Blu Homes ha appena messo a punto un’applicazione per smartphone denominata Blu Design Studio che, in pochi elementari passi, consentirà all’utente di progettare il proprio piccolo prefabbricato (tra i 50 e i 70 mq) scegliendo l’opzione preferita all’interno di una vasta gamma di modelli predefiniti, dallo stile essenziale, con ampi margini di customizzazione, per esempio in relazione ai colori e ai materiali. Sarà poi un addetto dell’azienda ad occuparsi delle faccende burocratiche, sistemate le quali si potrà costruire la propria casa, a prezzi decisamente economici.

 

Una proposta simile ma declinata in chiave ecologica è quella di Green Magic Homes, azienda che consente ai clienti di intervenire secondo il proprio gusto nella strutturazione di case a impianto modulare, costituite principalmente da speciali tubi rinforzati che possono addirittura essere rivestiti da un verde praticello. Anche qui, sono disponibili alcuni modelli preimpostati, ma con una straordinaria novità: toccherà proprio all’acquirente costruire materialmente la dimora che ha in mente, dopo aver puntualmente ricevuto la “casa” prescelta smontata in pacchetti, pronta per essere assemblata.

 

Anche il designer Philippe Starck, uno che nel futuro notoriamente ci vive, è rimasto affascinato dalle nuove frontiere della progettazione individuale, tanto da voler fornire il proprio contributo creativo a P.A.T.H., un configuratore online che permette di disegnare la propria abitazione, cui nulla manca se non un luogo dove essere installata.

 

Certo, esiste anche il grande capitolo delle stampanti 3D. BigDelta non solo è la stampante tridimensionale più grande del mondo ma è anche italiana, ultima nata in casa Wasp, l’azienda ravennate che l’ha pensata proprio per costruire case in modo rapido ed economico oltre che a impatto zero, grazie alla possibilità di lavorare, anzi “stampare”, con cemento, sabbia e ogni altra polvere presente sul territorio.

 

Intanto, lo sguardo sul futuro continua ad allargarsi. E al calduccio nella casa dei nostri sogni godersi il panorama non sarà affatto male.

Questo articolo parla di:

Precedente

Centro Culturale La Gota, così nasce il Museo del Tabacco

Successivo

MADE Expo 2017, ai blocchi di partenza

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma
Architettura

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico e artista: nel corso della sua vita, iniziata e conclusa a...

Martini, il mobile veronese verso il 2020
Design

Martini, il mobile veronese verso il 2020

Per chi fa impresa i cambiamenti della società e del mercato generano ogni giorno nuove sfide: quando queste interessano il...

 Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti
Design

Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti

Sponge, “spugna”, è il nome della collezione di vasi da fiori progettati dall’architetto e designer italiano Moreno...