Architettura

Lego House, ora si costruisce davvero

Gennaio 31, 2017

scritto da:

Lego House, ora si costruisce davvero

Alcuni bambini sognano di diventare architetti fin da piccoli. Altri lo capiscono con il tempo, altri ancora non lo saranno mai né mai lo vorranno essere. Ma tutti, proprio tutti, da piccoli lo sono stati almeno una volta. Perché hanno giocato con i Lego.

 

Ma oggi è proprio la Lego, il paradiso degli architetti per gioco, a cercare il supporto dell’architettura, quella vera: nel 2017 infatti saranno completati a Billund, in Danimarca, i lavori della nuova Lego House, destinata a diventare il quartier generale – museo della storica casa produttrice dei famosi “mattoncini”.

 

Il progetto è stato curato dal prestigiosissimo studio BIG (Bjarke Ingels Group), un’altra eccellenza danese: l’obiettivo è quello di creare un luogo “esperienziale” a 360 gradi, in grado da un lato di raccontare la storia dell’azienda e del marchio, dall’altra di coinvolgere i visitatori nella magia di un gioco tra i più universali.

 

Del resto la Lego House, 12 mila metri quadrati di superficie per 23 metri di altezza, ha ben chiare le sue origini: l’edificio sarà infatti costituito da una serie di blocchi rettangolari sovrapposti e collegati a incastro, esattamente come avviene con gli inossidabili “bricks”.

 

All’interno e all’esterno si moltiplicano i percorsi, le scalinate e le terrazze, di forma e dimensioni variabili, per rievocare la straordinaria versatilità delle costruzioni Lego, perfette per dare corpo alle fantasie progettuali di chiunque.

 


Quattro aree esperienziali
rappresentano la parte principale della struttura, alle quali si aggiungeranno anche un ristorante, uno shop e altri servizi: l’ambizione è di attirare oltre 250 mila visitatori all’anno.

 

Per chi non ha mai smesso di giocare, e di costruire.