Architettura

Lusso e opulenza per il Palazzo Versace di Dubai

Gennaio 24, 2017

scritto da:

Lusso e opulenza per il Palazzo Versace di Dubai

L’hotel più lussuoso di Dubai. Questo l’obiettivo raggiunto per il nuovo Palazzo Versace, il secondo della serie dopo l’omonimo australiano, realizzato in partnership con Enshaa Group (boss del real estate di Dubai), una delle costruzioni che lanceranno la capitale degli Emirati Arabi verso l’Esposizione Universale del 2020.

 


215 camere tra stanze e suite, 169 appartamenti, 31 piscine, due Imperial Suite da 1200 metri quadri l’una
dotate di salone, ufficio, palestra, piscina e Jacuzzi, un salone delle feste: numeri da capogiro per una struttura da ultra-ricchi che sorge al centro del Culture Village e si affaccia sul mare del Dubai Creek.

 

Ma l’opulenza non sta solo nelle dimensioni: il resort è un’esplosione di mosaici, tessuti, bar, ristoranti, lampadari di cristallo da tre tonnellate, piscine-laguna, una Spa che presenta decori liberamente ispirati ai fondali marini.

 


Lo stile però è tutto italiano
, lo si vede nella ricchezza dei materiali e nella cura del dettaglio, laddove ogni cosa è chiaramente creata da manodopera d’eccellenza, con uno sguardo attento rivolto alla valorizzazione degli elementi che da sempre caratterizzano il brand Versace: i tessuti, per esempio, provengono dalle collezioni passate.

 

Qua e là fanno capolino motivi simbolici, raffiguranti il pavone, il falco, il cavallo, animali che rappresentano un omaggio alla cultura della città ospitante. Perché il lusso oramai è una questione d’Oriente.