Architettura

MADE Expo, il calore e la luce nel progetto Plein Soleil

Dicembre 12, 2016

scritto da:

MADE Expo, il calore e la luce nel progetto Plein Soleil

Il benessere dell’abitare è sempre più una questione di integrazione.

 

Una constatazione che emerge chiaramente dalle indagini dell’Osservatorio MADE Expo, svolte lungo un percorso di approfondimento degli elementi progettuali che concorrono alla qualità della vita e che saranno al centro dell’appuntamento MADE Expo in fiera a Milano Rho dall’8 all’11 marzo 2017.

 

Le tecnologie di ultima generazione diventano il veicolo privilegiato tramite il quale migliorare le condizioni di salubrità dell’aria, il livello di insonorizzazione, il grado di irraggiamento e la quantità di luce naturale, i parametri di isolamento termico e di efficienza energetica, integrando ogni aspetto all’insegna dell’equilibrio.

 

In particolare, l’importanza della termoregolazione interna e dell’afflusso di luce solare anche nello spazio domestico è dimostrata da un progetto come quello del Plein Soleil, un complesso residenziale realizzato a Parigi dallo studio RH+ Architecture, dove la facciata termica collocata sul prospetto meridionale è finalizzata al pieno sfruttamento dell’esposizione ai raggi solari e inoltre dota gli appartamenti di uno spazio esterno privato, appartato e personalizzabile.

 

 

La “zona cuscinetto” di transizione verso l’esterno è stata ottenuta attraverso la realizzazione di una loggia chiusa da pareti scorrevoli di vetro che si aprono o chiudono al variare della temperatura esterna.

 

 

In questo modo, nei mesi freddi, si incamera calore evitandone dispersioni e si pre-riscalda l’aria esterna, che viene immessa all’interno attraverso il sistema di ventilazione forzata, mentre nei mesi più caldi si riduce l’uso del condizionamento, con un significativo risparmio di energia durante l’intero anno.

 

Allo stesso tempo, il principio
della loggia arricchisce i
 soggiorni e la camera da letto
 degli appartamenti con balconi e 
terrazze che fungono sia da patio 
che da giardino d’inverno,
 diventando un’estensione dello 
spazio living da utilizzare a 
seconda delle stagioni, dei
 momenti e delle necessità, e da
“riempire” tanto di arredi quanto 
di attività individuali e relazionali.


 

Per fare da filtro sia alla luce che
 a sguardi indiscreti le pareti
 scorrevoli di vetro sono 
schermate in corrispondenza dell’area notte, mentre rimangono trasparenti in corrispondenza dell’area giorno.

 

Perché i fondamenti del comfort quotidiano si radicano in architetture concepite guardando ad un obiettivo primario: l’autentica vivibilità, in armonia con i ritmi della natura.