Architettura

Mud and Wood, dall’Irlanda paglia e fango per la casa fai da te

Luglio 1, 2016
Avatar

scritto da:

Mud and Wood, dall’Irlanda paglia e fango per la casa fai da te

Il rischio che qualcuno possa prenderli per eccentrici esiste. Così, sulla pagina online, una delle prime cose che si vedono sono i numeri, anzi, le percentuali. Perché forse non tutti sanno che circa il 30% della popolazione mondiale vive attualmente in case fatte di terra, che nei paesi in via di sviluppo si arriverà presto al 50% e che la terra è il materiale alla base del 20% degli edifici patrimonio dell’umanità.

 

Si dà il caso che quella di costruire “cob cottages”, ossia case tirate su dal nulla con pareti di terriccio misto a paglia, così solido e compatto da sembrare pietra se ben conservato, è una tradizione tutta irlandese, esattamente come la nazionalità di Fèile Butler e Colin Ritchie, un coppia nella vita e nel lavoro che ha intrecciato le rispettive competenze (lei è architetto, lui è carpentiere) per dare nuova linfa ad una pratica architettonica così antica da sembrare incredibile.

 

Eppure, Fèile e Colin hanno costruito con le loro stesse mani la casa in cui vivono con i loro bambini, immersi nel leggendario verde d’Irlanda, sfruttando le tecniche degli antenati e utilizzando la natura come risorsa costruttiva fondamentale per un edificio che è un (im)possibile assemblaggio di fango, paglia, terra, erba, legno di recupero.

 

Da questa esperienza al limite tra l’arcaico e il futuristico, è nata Mud and Wood, che non è più solo il nome della casa ma una vera e propria “impresa”, nel senso ampio del termine, l’occasione che Fèile e Colin hanno creato per insegnare a tutti come costruire da sè abitazioni a impatto zero, interamente naturali, resistenti al tempo (alcuni “cob cottages” irlandesi hanno più di 150 anni), ovviamente biodegradabili e pure riciclabili.

 

Così, i due coniugi organizzano periodicamente corsi dedicati a chi vuole conoscere il mondo dell’edilizia 100% eco-friendly, a chi sogna di costruirsi da sé il proprio nido, a chi ha bisogno di consulenze per progetti green e a chi semplicemente sogna arredi su misura, artigianali e rigorosamente sostenibili.

 

Come se non bastasse, il metodo costruttivo Mud and Wood è a costo praticamente zero non soltanto in termini ambientali quanto sotto il profilo economico (nemmeno i trasporti servono, del resto la materia prima la trovate sul posto, è la terra stessa che ve la fornisce), accessibile a tutti senza distinzioni di età o capacità: gli unici requisiti richiesti sono impegno e buona volontà. Certo, un po’ di fatica fa parte del pacchetto ma, sostengono Fèile e Colin, che sarà mai in confronto al piacere di scolpire le forme della propria casa, respirando il profumo della natura e scoprendo la magia dello “slow build movement”, il costruire lento, assecondando i ritmi della vita e del mondo.

 

Uomini del XXI secolo, bentornati… nel futuro.