Poveglia, un concorso per far rinascere l’isola Poveglia, un concorso per far rinascere l’isola
Architettura

Poveglia, un concorso per far rinascere l’isola

Scritto da Redazione |

16 Maggio 2016

Da più di un secolo ormai le pagine scritte da James Matthew Barrie, creatore del fortunato personaggio di Peter Pan,  continuano a far sognare generazioni di bambini (e adulti), tutti intenti a immaginare di spiccare il volo per raggiungere la leggendaria isola che non c’è. Ebbene, nessuno di loro probabilmente è mai venuto a conoscenza del fatto che, proprio in Italia, un’isola è stata davvero sul punto di scomparire, di non esserci più.

 

Si tratta di Poveglia, un affascinante fazzoletto di terra immerso nella laguna veneziana, un luogo dalla straordinaria bellezza naturale che, nonostante le indubbie qualità estetiche e naturalistiche, sconta oggi le conseguenze di una situazione di degrado protrattasi per quasi cinquant’anni, dovuta alla condizione di totale abbandono che l’affligge a causa del prolungato disinteresse da parte delle autorità e della stessa città di Venezia.

 

Situata a pochi chilometri da Piazza San Marco ma priva di ogni collegamento con la terraferma, in questi anni l’isola è andata letteralmente in rovina, soccombendo agli attacchi di una natura selvaggia che si è ripresa in fretta lo spazio sottrattole da edifici e colture. Ora però le cose stanno per cambiare.

 

Young Architects Competitions (sigla YAC), società che si occupa di promuovere concorsi di progettazione e architettura, contando sul coinvolgimento di studenti e neolaureati per incentivare la ricerca innovativa, ha infatti recentemente bandito Universitary Island, concorso cui sarà possibile partecipare consegnando il proprio elaborato entro il prossimo 15 giugno 2016.

 

 

 

La sfida lanciata ad architetti e progettisti provenienti da ogni angolo del globo è la seguente: trasformare la dimenticata isola di Poveglia in un Campus Universitario internazionale e ultramoderno, il luogo ottimale in cui offrire alloggio e servizi di eccellenza ai moltissimi ragazzi che approdano sulla Laguna per continuare il proprio percorso di studi e accrescere la loro formazione.

 

Un’attenta selezione, operata grazie al decisivo apporto di una giuria internazionale d’eccezione, composta da grandi esperti del settore come Iannis Kandyliaris dello studio BIG, Peter Cook di Crab Studio e Francesco Dal Co di Casabella, solo per citare alcuni nomi tra i più blasonati, condurrà a stabilire la rosa dei 30 finalisti, in corsa per un montepremi totale di ben 20 000 €.

 

I nomi dei vincitori saranno resi pubblici alla fine del luglio 2016, evento seguito in settembre dalla cerimonia di premiazione e dall’esposizione dei progetti premiati, alla presenza delle autorità coinvolte. Poi sarà il momento di cominciare a lavorare, per ridare vita e volto ad uno dei luoghi più belli di questo nostro distratto e meraviglioso Paese.

Questo articolo parla di:

Precedente

MADE Expo 2017, ai blocchi di partenza

Successivo

MIDE Architetti, un casolare restaurato nella campagna lucchese

Emergenza COVID-19, Carlo Ratti Associati racconta in esclusiva il progetto CURA
Architettura

Emergenza COVID-19, Carlo Ratti Associati racconta in esclusiva il progetto CURA

In una situazione eccezionale come quella che stiamo vivendo, una pandemia globale a cui è seguita un’emergenza sanitaria...

Makà, la lampada industrial di Marc Sadler per OLEV
Design

Makà, la lampada industrial di Marc Sadler per OLEV

Stile industriale, versatilità totale.  Si chiama Makà la nuova lampada progettata da Marc Sadler per il 2020 di OLEV: una...

 Casa SR, la nuova spazialità di una casa vacanze in Puglia
Architettura

Casa SR, la nuova spazialità di una casa vacanze in Puglia

Un’abitazione dalla doppia natura, una pubblica e una privata, che corrispondono rispettivamente all’asse est-ovest e...