Architettura

Un nuovo museo Munch per la Norvegia

Marzo 23, 2017

scritto da:

Un nuovo museo Munch per la Norvegia

Ci sono artisti per i quali un solo museo proprio non basta. E’ il caso di Edvard Munch, le cui circa 28 000 opere (28 000!), tra disegni, dipinti, fotografie e sculture, superano di gran lunga la capienza dell’attuale Museo Munch, situato nella città natale dell’artista, Oslo, in Norvegia.

 

Così, il Comune di Oslo ha pensato di commissionare, alla modica cifra di 2,7 miliardi di corone (circa 314 milioni di dollari) un nuovo palazzo espositivo sul lungofiume, il cui progetto è stato affidato all’architetto spagnolo Juan Herreros, vincitore del concorso indetto nel 2009, e dovrebbe essere portato a termine nel 2020.

 

Si tratterà di uno scenografico grattacielo di vetro articolato in altezza su 12 piani, sostenuto da un basamento di tre piani i cui locali saranno dedicati ai servizi per il pubblico; la struttura si caratterizzerà per una forte inclinazione e ospiterà spazi per le mostre, magazzini, uffici e laboratori.

 

L’area prescelta, affacciata sul fiume Akerselva, è inoltre oggetto già da anni di un’intensa operazione di riqualificazione urbana, che ha visto l’inserimento di nuovi elementi architettonici dal grande valore, come l’Opera House di Oslo e l’Oslo Public Library.

 

Il progetto ha come obiettivo anche quello di rilanciare l’appeal turistico del museo, i cui numeri di affluenza non hanno finora soddisfatto le aspettative dei quadri dirigenti, almeno per quanto riguarda i dati riferiti alla vecchia sede (nella foto qui sotto).