A Milano lo studio Chapman Taylor disegna…se stesso A Milano lo studio Chapman Taylor disegna…se stesso
Design

A Milano lo studio Chapman Taylor disegna…se stesso

Scritto da Redazione |

31 Marzo 2016

Essere designer di se stessi. No, non è una nuova massima di vita pronta per essere diffusa. E’ semplicemente quello che è capitato agli architetti dello studio Chapman Taylor, i quali hanno personalmente progettato i propri studi nella nuova sede di Via Pietrasanta a Milano, ristrutturando e trasformando gli spazi di un vecchio teatro.

 

L’edificio è parte di un ex complesso industriale, risalente all’inizio del XX secolo, di cui si sono volute conservare le caratteristiche architettoniche originali. Così, le 40 postazioni di lavoro programmate sono state tutte concentrate in una struttura a cubo isolata, in modo tale da mantenere intatte le proporzioni ampie, come si vede dall’altezza del locale, di circa otto metri. E’ stata inoltre preservata la curvatura degli archi di volta speculari con funzione di copertura e si è deciso di rispettare il disegno originario degli infissi.

 

A volte, la soluzione prescelta finisce per essere addirittura più originale dell’originale: è il caso delle pareti verticali, di cui sono stati portati alla luce i mattoni rossi grazie ad un massiccio intervento di scrostatura. Al piano superiore, che ha una superficie di circa 250 mq, le finestre murate sono state ripristinate, mentre il piano interrato ospita una sala riunioni.

 

I materiali utilizzati si richiamano ai capisaldi dell’architettura industriale, e così è il ferro ad assumere un ruolo dominante, mentre i pavimenti sono stati realizzati in legno. Interessante è il taglio contemporaneo delle sedute, caratterizzate da colori acidi che spezzano il minimalismo complessivo degli ambienti.

 

Uno spazio funzionale e confortevole dallo stile impeccabile: i nuovi uffici di Chapman Taylor rispecchiano la vena creativa dello studio, che scrive da sé la propria carta d’identità. Inappuntabile.

 

Precedente

A Pino Canavese la nuova abitazione di Luca Maria Gandini

Successivo

Fuori di TID, il nuovo district del design milanese

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di...

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino
Architettura

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

L’architettura in un cioccolatino. Sorprende e incuriosisce la scelta dell’ADI Design Index 2019 di selezionare come...

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen
Design

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Siamo a Essen, in Germania, una città dalla duplice anima: da un lato la grande storia dell’industria siderurgica locale...