AGC Flat Glass Italia, vetro d’eccellenza per Hotel Viu Milan AGC Flat Glass Italia, vetro d’eccellenza per Hotel Viu Milan
Design

AGC Flat Glass Italia, vetro d’eccellenza per Hotel Viu Milan

Scritto da Redazione |

27 Ottobre 2017

L’eccellenza chiama l’eccellenza. È forse questo il motivo per il quale l’Hotel Viu Milan, il design hotel a cinque stelle sorto nella capitale lombarda e progettato da Architects Arassociati Studio insieme allo studio di Nicola Gallizia, ha scelto AGC Flat Glass Italia, branch italiana di AGC Glass Europe e leader europeo nella produzione di vetro piano, per la realizzazione delle facciate esterne in vetro dell’edificio. 

L’azienda è stata selezionata per la sua capacità di personalizzare il vetro secondo le caratteristiche desiderate dai progettisti, in termini di colore, efficienza energetica, selettività e riflessione luminosa, offrendo un prodotto unico su misura, grazie al servizio offerto di coating on demand

Pensato proprio per chi progetta, il processo di deposizione del coating è una lavorazione che viene effettuata a valle della formazione della sostanza vetrosa, attraverso un processo magnetronico, e consiste nell’applicazione di diversi strati di metallo ed ossidi di metallo di uno spessore infinitesimo sulla superficie del vetro, in grado di modificarne le caratteristiche spettrofotometriche (di controllo dell’energia solare) ed estetiche. 

Su richiesta della committenza, AGC ha concepito un coating su misura che conferisse ai vetri una buona performance di controllo solare e selettività, pur mantenendo una trasmissione luminosa elevata; inoltre tale specifico trattamento ha consentito un’elevata riflessione luminosa esterna, a fronte di una ridottissima trasmissione luminosa interna, conferendo così all’aspetto dell’edificio un particolare effetto specchiato e preservando dunque la privacy degli ospiti senza generare riflessi all’interno al calar del sole. 

L’Hotel Viu Milan si presenta perciò ora più che mai come un building elegante e metropolitano, caratterizzato da un’architettura sostenibile e all'avanguardia, dove il blocco centrale rivestito in vetro è incorniciato da una ricca vegetazione destinata a diventare un vero e proprio giardino verticale in dialogo con il grattacielo green di Stefano Boeri. 

Questo articolo parla di:

Precedente

Operæ, a Torino l’Independent Design Fair

Successivo

Al Radicepura Garden Festival la magia di Fil de Fer

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma
Architettura

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico e artista: nel corso della sua vita, iniziata e conclusa a...

Martini, il mobile veronese verso il 2020
Design

Martini, il mobile veronese verso il 2020

Per chi fa impresa i cambiamenti della società e del mercato generano ogni giorno nuove sfide: quando queste interessano il...

 Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti
Design

Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti

Sponge, “spugna”, è il nome della collezione di vasi da fiori progettati dall’architetto e designer italiano Moreno...