Brera Design Days, pensare al design di domani Brera Design Days, pensare al design di domani
Design

Brera Design Days, pensare al design di domani

Scritto da Redazione |

20 Giugno 2016

Diffondere in modo smart la cultura del progetto? Ci pensa Studiolabo, primo promotore del nuovo format Design City Milano, un’iniziativa pensata per riflettere sul design a 360 gradi, esplorandolo in tutte le sue fasi, dalla progettazione alla produzione fino ai fenomeni di ibridazione, il cui svolgimento è previsto per il periodo compreso tra l’1 e il 9 ottobre 2016 in una Milano che punta a confermarsi ancora una volta capitale internazionale del design.

 

All’interno del già fittissimo programma di eventi troverà spazio anche il Brera Design Days, un ciclo di incontri, esposizioni e workshop dedicati all’universo del design e destinati ad approfondire il tema “Progetto e innovazione tra digitale e territorio”, contando sul coinvolgimento di aziende, showroom e istituzioni senza dimenticare la dimensione cittadina, grazie all’organizzazione di laboratori aperti al pubblico e concepiti come generatori di idee.

 

Una tre giorni in cui studenti, appassionati ed esperti del settore potranno dialogare sul futuro della progettazione, riuniti nel quartier generale della Mediateca di Santa Teresa, in Via della Moscova, in un susseguirsi di momenti di intrattenimento e analisi, tra allestimenti espositivi, angoli relax e dj set di chiusura serale.

 

Numerosi i temi trattati nell’ambito della kermesse, a partire dal concetto di Smart City applicato alla città di Milano e non solo, con l’opportunità d’interrogarsi anche sulle questioni legate ai social network e al loro enorme potenziale innovativo; ci saranno poi conferenze in cui la parola sarà data ad architetti, designer e giornalisti blasonati, che racconteranno il loro punto di vista sul futuro del design; ancora, si affronteranno i temi della gamification e della grafica, si parlerà di scenari visivi multidisciplinari per la valorizzazione di eventi e territori, si rifletterà sulle nuove frontiere dell’interaction design.

 

Un laboratorio di idee, progetti ed energie che punta a mettere in relazione l’intera comunità del design per generare una catena di collaborazioni e una contaminazione di esperienze, grazie al contributo di tutti i principali organi attivi nel campo dell’innovazione.

 

Una sfida che si rivolge a tutti, per sbirciare nel futuro, di Milano e del mondo.

Questo articolo parla di:

Precedente

Bross, l’importanza di arredare l’ufficio

Successivo

Lofoten, il sistema composto di Luca Nichetto per Casamania

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture
Design

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture

Materia, un nome che chiarisce fin da subito la vocazione di un oggetto in cui ad essere i protagonisti assoluti sono i materiali e...

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti
Architettura

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti

Pulita, semplice e rilassante. Con questi tre aggettivi l’architetto italiano Alfredo Vanotti descrive il suo progetto G...

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano
Design

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano

L’alluminio come materia prima su cui costruire l’essenza di una collezione per la tavola eclettica e sofisticata. È la...