Cersaie 2016, è boom per il Salone in un’edizione da record Cersaie 2016, è boom per il Salone in un’edizione da record
Design

Cersaie 2016, è boom per il Salone in un’edizione da record

Scritto da Redazione |

06 Ottobre 2016

E’ un bilancio più che positivo quello che risulta dai dati divulgati a pochi giorni dalla chiusura dell’edizione 2016 di Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e l’Arredobagno che si è svolto dal 26 al 30 settembre negli spazi della Fiera di Bologna ed è stato capace di unire iniziative di natura strettamente commerciale a eventi d’eccezione, rivolti al mondo dell’interior design, agli architetti, al consumatore finale.

 

I numeri lasciano poco spazio ai dubbi: è stato superato il record delle 106.000 presenze (quasi 5000 in più rispetto a quelle registrate nell’anno 2015, segnando un incremento del 4,7%), delle quali oltre 50 000 sono rappresentate da operatori stranieri, una quota estera mai raggiunta prima.

 

Espositori di legno, marmi e pietre naturali per le superfici, affiancati ai tradizionali comparti legati alle piastrelle in ceramica e all’arredo bagno, hanno fatto sì che nei sei settori espositivi (con una superficie complessiva pari a 156 000 metri quadri) si contassero 852 espositori provenienti da 43 nazioni differenti, di cui ben 335 sono le aziende straniere, circa un terzo del totale.

 

Da segnalare l’aumento dei visitatori sia stranieri sia italiani (rispettivamente +3,8% e +5,7%) e altrettanto numerosi sono stati gli organi d’informazione sul posto, il 40% dei quali costituito da testate straniere: un elemento che conferma l’ottimo posizionamento di Cersaie nel panorama degli eventi organizzati a livello internazionale per quanto riguarda il settore della ceramica e dell’edilizia, una considerazione ulteriormente avvalorata dall’ampio ventaglio di provenienza del pubblico, comprendente 170 nazioni.

 

Un successo di proporzioni inaspettate, che ha coinvolto anche le molteplici iniziative collaterali, a partire dalle conferenze tenute da grandi personalità, come l’architetto Norman Foster, passando per il progetto “Cersaie disegna la tua casa” rivolto direttamente al consumatore, fino alla mostra Cer-Sail Italian Style Concept, ideata dal duo Davide Vercelli e Angelo Dall’Aglio.

 

Le caratteristiche di vocazione globale e visione futura sono state anche quest’anno il motore principale di una manifestazione di grande rilievo per il mercato edilizio, in grado di attirare partecipazioni di primo piano e di porsi come piattaforma di lancio per idee e novità, costruendo così una solida rete di relazioni e business.

 

Tutti buoni motivi per ripetere l’esperienza. Ci vediamo l’anno prossimo. Come sempre, a Cersaie.

Questo articolo parla di:

Precedente

TS Aluminium, l’alta tecnologia delle coperture

Successivo

Isola2, il nuovo sistema schermante di KE Protezioni Solari

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels
Architettura

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels

Nell’era delle grandi migrazioni anche l’hotel diventa nomade.  Si chiama Flying Nest l’ultimo visionario...

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem
Design

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem

La forza materica del cemento unita alla raffinatezza della trama tessile: si chiama TexCem il nuovo rivestimento Ragno che...

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna
Architettura

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna

Siete amanti di montagna e fotografia? Il nuovo Lumen Museum è il posto perfetto per voi.  Il museo, progettato...