Design per la nautica: le creazioni di Annibale Colombo Design per la nautica: le creazioni di Annibale Colombo
Design

Design per la nautica: le creazioni di Annibale Colombo

Scritto da Redazione |

27 Luglio 2017

Design italiano per la nautica: un settore d’eccellenza elogiato a livello internazionale che viene perfettamente rappresentato dai prodotti firmati Annibale Colombo, che presenta Yacht, Tender, Argo e Admiral: rispettivamente, il divano, il tavolino da caffè, il tavolo e la sedia destinati al salotto di chi desidera la massima cura del dettaglio. 

L’interior design Made in Italy di Annibale Colombo ha da anni conquistato la progettazione nautica fino a cambiarne i codici estetici, sempre meno legati al mondo marino e sempre più metropolitani e contemporanei. 

Racconta il designer Tomaso Schiaffino

Ci siamo ispirati al mondo degli yacht per un duplice motivo: l’azienda, conosciuta nel mondo per la sua produzione di mobili classici, per la qualità dei materiali e per le finiture raffinate, quest’anno ha lanciato una nuova business unit dedicata al design ed il mondo nautico da sempre riesce a trasmettere contemporaneità parlando al tempo stesso di tradizione. Il mondo della nautica si indirizza inoltre da sempre ad un pubblico raffinato, abituato al lusso e altamente esigente, lo stesso pubblico che sceglie Annibale Colombo per le stesse ragioni”. 

L’esperienza consolidata di Annibale Colombo nella lavorazione del legno, inoltre, si arricchisce dell’expertise nell’integrare materiali diversi, tradizionalmente non utilizzati nella nautica: l’abilità nell’accostamento dei materiali, come il legno l’acciaio e il cristallo, è il frutto dell’impegno della Divisione Nautica nel rispondere al meglio ai desideri del designer e alle esigenze del committente. 

Per questo motivo lo Studio Ciarmoli Queda rinnova la collaborazione con Annibale Colombo proponendo un set in teak, pelle e tessuto da integrare alla Collezione Nautica: una poltrona, un tavolino e un tavolo per arricchire e impreziosire l'ambiente unendo la maestria artigiana al design contemporaneo. 

L’ispirazione del progetto trova un completamento ideale nella parte di realizzazione in cui, ad un sapiente lavoro di artigianato del legno, si affianca una parte di tecnologia che tramite la modellazione 3D e macchine a controllo numerico permettono di concretizzare materialmente i pezzi. 

Nello specifico, ecco i complementi d’arredo disponibili:

Yacht, un divano componibile in noce canaletto con basamento in legno massiccio laccato appartenente alla Collezione Nautica;

Tender, un tavolino con piano e gambe in noce canaletto e basamento laccato;

Argo, il tavolo rettangolare in noce canaletto massiccio, con gambe con profili in acciaio e piano disponibile in pelle oppure cristallo;

Admiral, la sedia in noce canaletto massiccio;

Peninsula, poltrona in teak con cuscino e schienale imbottito;

Panarea, il tavolino pieghevole in teak;

Sardinia, il tavolo da gioco con rivestimento in pelle e scacchiera in marmo. 

Così è facile ritrovare in questa collezione di arredo quei valori di innovazione e al tempo stesso di stile e qualità che storicamente identificano il design Made in Italy.

Questo articolo parla di:

Precedente

Cattelan Italia presenta il tavolo Premier

Successivo

Vetro Liquido, la nuova resina firmata Elekta

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia
Architettura

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia

Il Kistefos Sculpture Park di Jevnaker, in Norvegia, è il più grande parco di sculture dell’Europa settentrionale che...

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019
Design

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019

All’ultima edizione del Salone del Mobile.Milano Moscow c’è stato spazio anche per la Russia dei giovani designer, che...

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità
Design

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità

50 anni di Sacco: l’icona pop e anticonformista firmata Zanotta, simbolo della trasformazione culturale del ’68, non...