Exquisite Jungle, la libreria Novamobili si trasforma Exquisite Jungle, la libreria Novamobili si trasforma
Design

Exquisite Jungle, la libreria Novamobili si trasforma

Scritto da Redazione |

18 Aprile 2016

Novamobili è una realtà di eccellenza nel panorama del design italiano, un’azienda fondata su principi di flessibilità, innovazione e sostenibilità, sempre focalizzata sulle nuove frontiere della ricerca e dello sviluppo. Al Fuorisalone 2016 ha deciso di presenziare portando in scena Inspirationals, un progetto mirante a innescare una riflessione sul concetto di libreria, oggetto antico eppure sempre attuale, per incardinarlo sulle più recenti prospettive di estetica e funzionalità.

 

Tra i numerosi designer che hanno collaborato, portando il proprio contributo creativo e progettuale, ci sono due giovani progettisti, Daniele e Giorgia, che insieme costituiscono lo studio Zanellato/Bortotto, con sede a Treviso e già all’attivo diverse patnership con aziende nazionali e internazionali.

 

La loro idea si chiama Exquisite Jungle: una rivisitazione ironica e divertente del modo di abitare gli interni borghesi, immaginando uno spazio inedito fatto di piante e di atmosfere raccolte, quasi a voler creare un angolo di pace fuori dal mondo in cui poter coltivare le proprie passioni dando libero sfogo alla fantasia. Creando una sorta di nicchia privata all’interno della zona giorno, il duo creativo si è cimentato per la prima volta con il tema della progettazione degli spazi, traendone nuovi stimoli da aggiungere a quello che essi stessi definiscono il loro “caos creativo”.

 

Accanto alle piante, elemento scenografico che rappresenta un modo per portare nella dimensione domestica un po’ del mondo esterno, i designer hanno voluto introdurre nel progetto anche materiali inediti come il rame, il vetro, il marmo, capaci di rendere preziosa anche la struttura più semplice.

 

Una soluzione fresca e originale, per vincere la sfida di far dialogare Novamobili, marchio dalla tradizione estetica rigorosa e razionale, con il mondo delle storie e degli oggetti quotidiani, in un gioco di design che finisce per farci oscillare dolcemente tra la realtà e il sogno.

Questo articolo parla di:

Precedente

Arch and Art, il laterizio firmato SanMarco tra arte e architettura

Successivo

Salone 2016, un bilancio di successi

L’Anello Mancante, al MAXXI Michele De Lucchi esplora la materia
Architettura

L’Anello Mancante, al MAXXI Michele De Lucchi esplora la materia

È stata inaugurata lo scorso 6 dicembre al MAXXI di Roma l’installazione site-specific L’anello Mancante, realizzata da...

Simone Crestani e la magia del vetro
Design

Simone Crestani e la magia del vetro

Ci sono tutta la leggerezza eterea del vetro, la sua solidità estrema e la sua vitale esuberanza nei complementi d’arredo...

Primo Piano Fitness & Cattleya Wellness, uno spazio per corpo e anima
Architettura

Primo Piano Fitness & Cattleya Wellness, uno spazio per corpo e anima

Uno spazio per il corpo e per l’anima: l’architettura per il wellness punta a facilitare e a supportare la ricerca e il...