Fabbian, l’illuminazione passa dai metalli caldi Fabbian, l’illuminazione passa dai metalli caldi
Design

Fabbian, l’illuminazione passa dai metalli caldi

Scritto da Redazione |

27 Luglio 2016

I trend di questa prima parte di 2016 hanno evidenziato come l’interior design sia tornato a una vera e propria età del metallo. Che questo sia rame, bronzo o ottone poco importa. Quello che conta è che i metalli caldi, come quelli appena citati, siano tra i più utilizzati per la realizzazione di finiture per l’arredamento, in netta contrapposizione con grigi metallizzati o colori più freddi.

 

Se n’è accorta Fabbian, azienda veneta con cinquant’anni di esperienza nel settore dell’illuminazione d’interni, che ha affidato le sue collezioni a una serie di designer esperti con il mandato di creare installazioni luminose che possano abbinarsi alla perfezione con questo trend.

 

Sono tantissime le collezioni proposte.

 

C’è Tripla, una serie di lampade disegnate dai giovani Devis Busato e Giulia Ciccarese, vincitori del contest indetto da Fabbian Illuminazione in collaborazione con Desall, che offre una decorazione in vetro cristallo. Una forma tetraedrica che si propone di rivestire con versatilità ed eleganza la luce, permettendone l’applicazione in diverse location.

 

Eyes, invece, frutto della creatività del designer Matali Crasset, si propone di riprendere un concetto classico di lampadario. Una bolla di vetro con tre punti incavati nella sfera con l’obiettivo di ottenere diverse intensità di luce. Un giusto mix di semplicità e innovazione.

 

Diverso è invece il caso della collezione Multispot Beluga, ideata da Nanne de Ru, che offre un tipo di illuminazione fatto di sospensioni, adatto per interno ed esterno. Rosoni in alluminio verniciati di bianco accompagnano i diffusori firmati Tooby, costituiti da elementi cilindrici in vetro borosilicato e tappo in finitura anodizzata e ramata.

 

E ancora, Polair, Aerostat, Loop, Cubetto e Venere. Tante, tantissime le collezioni proposte da Fabbian per illuminare ambienti pubblici e privati. Il tutto fatto ovviamente con il massimo rispetto per il design e le tendenze del momento, per fare in modo che anche le fonti di luce abbiano un ruolo centrale nell’interior design.

Questo articolo parla di:

Precedente

Carimali, la qualità del Made in Italy per il tuo spazio doccia

Successivo

Albertini, una finestra italiana sul Libano

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di...

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino
Architettura

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

L’architettura in un cioccolatino. Sorprende e incuriosisce la scelta dell’ADI Design Index 2019 di selezionare come...

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen
Design

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Siamo a Essen, in Germania, una città dalla duplice anima: da un lato la grande storia dell’industria siderurgica locale...