FurNature, se il designer sei (anche) tu FurNature, se il designer sei (anche) tu
Design

FurNature, se il designer sei (anche) tu

Scritto da Redazione |

29 Aprile 2016

Sognatori e visionari lo sono per davvero. Anche un po’ folli se volete, sicuramente grandi sperimentatori. Per il loro studio non hanno certo scelto un nome a caso, Lorenzo De Rosa ed Ernesto Iadevaia, i due designer che nel 2007 hanno fondato a Milano Sovrappensiero Design Studio, e da allora non si sono più fermati, rivisitando, scomponendo, aggiornando, in una parola, creando, in bilico tra sfida e divertimento.

 

Non stupisce allora l’originale filosofia che ispira l’ultima collezione, denominata FurNature: oggetti ordinari, che fanno parte della nostra vita quotidiana, presenti da sempre sul mercato, vengono ora reinterpretati in una versione incompiuta, che sollecita il fruitore ad intervenire per completare il progetto, in modo del tutto personale.

 

I pezzi coinvolti nella linea sono cinque, banalissimi: un tavolino, un appendiabiti, un portasalviette, una clessidra, un vaso-torchio. Peccato che, per esempio, tavolino e appendiabiti non stiano in equilibrio, mentre la clessidra è un involucro di vetro vuoto.

 

Non si tratta, ovviamente, di trascuratezza dei designer, ma di un piano ben preciso: solo alcune componenti degli oggetti sono state disegnate e realizzate, quelle mancanti sono invece un invito che i due creativi rivolgono al consumatore, spinto a portare a termine l’opera con materiali naturali.

 

Materiali che saranno quelli disponibili nell’immediato, a portata di mano dell’acquirente e per questo diversi a seconda della sua provenienza geografica, delle sue abitudini di vita, del suo personalissimo gusto estetico. Qualcuno metterà della sabbia a scorrere nella clessidra, qualcun altro utilizzerà dei rami d’albero come griglia per l’appendiabiti, o fermerà con una pietra la gamba instabile del tavolo, o ancora riempirà di fiori il vaso.

 

Design in progress, verrebbe da dire. Perché la creatività non ha limiti né confini e, grazie al progetto di Sovrappensiero Design Studio, almeno per una volta saremo tutti un po’ designer. Il rischio, o l’opportunità, è quello, magari, di prenderci gusto.

Questo articolo parla di:

Fotografie di www.sovrappensiero.com

Precedente

Fish&Fish, Paola Navone porta il mare in cucina

Successivo

Piuma, la leggerezza delle nuove sedute firmate Kartell

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di...

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino
Architettura

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

L’architettura in un cioccolatino. Sorprende e incuriosisce la scelta dell’ADI Design Index 2019 di selezionare come...

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen
Design

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Siamo a Essen, in Germania, una città dalla duplice anima: da un lato la grande storia dell’industria siderurgica locale...