Häfele Connect ad Architect@Work, l’innovazione a portata di APP Häfele Connect ad Architect@Work, l’innovazione a portata di APP
Design

Häfele Connect ad Architect@Work, l’innovazione a portata di APP

Scritto da Giulia Guerra |

04 Dicembre 2017

Smart Home, Smart Furniture, casa intelligente: ci sono molti nomi per definire la nuova frontiera della domotica e dell’automazione, quella speciale tipologia di innovazione che punta ad aumentare la performance degli ambienti in cui viviamo, lasciando che essi stessi letteralmente “rispondano” alle nostre richieste quotidiane. Häfele Connect è il nuovo sistema per il collegamento intelligente di mobili e ambienti, capace, tramite una semplicissima applicazione per dispositivi mobili, di collegare luce, suono e azionamenti elettrici. In occasione dell’edizione milanese di Architect@Work abbiamo approfondito la natura e le potenzialità di questo nuovo dispositivo insieme a Luca Galbiati, responsabile tecnico commerciale per la divisione contract del brand per l’Italia.

 

Che cos’è Häfele Connect?

“Häfele Connect è un’applicazione che permette di gestire tramite smartphone o tablet tutte le applicazioni di LUX, il nostro sistema di illuminazione led per arredi, dei sistemi integrati per l’arredo quali sollevatori TV o aperture automatiche, a cui ai aggiunge anche un sistema di riproduzione musicale che lavora sempre tramite tecnologia Bluetooth.”

 

Che cosa esprime il concetto di Smart Furniture? È questa la tendenza design del futuro?

“Smart Furniture è per noi una formula che esprime semplicità e immediatezza, permettendo di comandare da distanza più situazioni con una tecnologia immediata come quella BLE (Bluetooth Low Energy); si tratta di una formula che in futuro troverà sempre più applicazioni, per esempio nel controllo accessi, nel qual caso noi proponiamo il sistema apposito Dialock.”

 

Quali sono i vostri mercati di riferimento? A che tipo di cliente vi rivolgete?

“Häfele è una multinazionale tedesca presente in 37 Paesi: noi poniamo attenzione a tutto il mondo. Certo, il nostro cliente tipo spazia dal progettista all’investitore, al realizzatore finale, al general contractor: tutte le realtà coinvolte in un processo di progetto o di produzione industriale.”

 

Con Häfele Connect l’alta tecnologia è ormai a portata di APP. Quali sono le prossime sfide che vi preparate a vincere?

“La sfida principale, che rappresenta la linea tracciata dalla casa madre, è quella di rivolgersi direttamente a chi pensa le nuova soluzioni, studi di architettura, progettisti, in modo da essere di supporto alle loro idee. Per fare questo servono innovazioni, come Häfele Connect oppure tutto ciò che riguarda lo sfruttamento ottimale dei piccoli spazi, sempre più diffusi nell’arredo residenziale.”

Questo articolo parla di:

Precedente

Nasu di Zilio A&C, la poltroncina per il Villa Paju Restaurant di Tallin

Successivo

Wood-Skin ad Architect@Work, le superfici prendono vita

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture
Design

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture

Materia, un nome che chiarisce fin da subito la vocazione di un oggetto in cui ad essere i protagonisti assoluti sono i materiali e...

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti
Architettura

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti

Pulita, semplice e rilassante. Con questi tre aggettivi l’architetto italiano Alfredo Vanotti descrive il suo progetto G...

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano
Design

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano

L’alluminio come materia prima su cui costruire l’essenza di una collezione per la tavola eclettica e sofisticata. È la...