Host 2017, WallPepper presenta Acoustic Host 2017, WallPepper presenta Acoustic
Design

Host 2017, WallPepper presenta Acoustic

Scritto da Redazione |

03 Novembre 2017

Oggi gli architetti e i designer ci hanno insegnato che la carta da parati non è più un prodotto stock tendenzialmente ripetitivo, ma un mezzo, una forma d’espressione grande e articolata, per dare vita a vere e proprie opere d’arte, ad ambienti dallo stile sorprendente. 

Anche i materiali sono profondamente cambiati: l’evoluzione delle scienze e l’inevitabile passaggio alla filosofia eco hanno spinto a trovare alternative più green e soprattutto sicure, come la fibra tessile mista a cellulosa, o la fibra di vetro. 

WallPepper nasce da questa scintilla d’innovazione e ha portato con sé questa nuova visione, di una ‘carta da parati 2.0’ anche a Host 2017 (tenutosi dal 20 al 24 ottobre negli spazi di Fiera Milano) prendendo parte per la prima volta all’appuntamento italiano più importante per i professionisti del mondo Ho.Re.Ca. 

Assieme alle nuove collezioni 2017, Classic, Grand Tour, Monochrome, Postmodern, Silk Way e Tropikos, che interpretano in modi ora più grafici, ora più espressivi e artistici, le tendenze del design contemporaneo, in occasione della fiera è avvenuta anche la presentazione della nuova WallPepper Acoustic, la carta da parati fonoassorbente

Anteprima assoluta del catalogo 2018, WallPepper Acoustic è realizzata in fibra di vetro ed è perfetta per essere inserita in tutti gli ambienti pubblici; grazie alle sue proprietà, inoltre, la carta da parati consente di assorbire i rumori e il riverbero nell’ambiente, rendendo più piacevoli i momenti di convivialità e relax, o più semplici quelli di concentrazione. 

WallPepper Acoustic unisce dunque alle caratteristiche di flessibilità e personalizzazione, ecosostenibilità, resistenza e sicurezza anche una funzione tecnica fondamentale e si rivela ideale per uffici, ma anche per ristoranti, bar, sale d’attesa, hall, ospedali, laboratori.

Questo articolo parla di:

Precedente

L&L Luce&Light, Palladiano e le altre novità

Successivo

Stefano Boeri sarà il nuovo curatore di space&interiors

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels
Architettura

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels

Nell’era delle grandi migrazioni anche l’hotel diventa nomade.  Si chiama Flying Nest l’ultimo visionario...

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem
Design

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem

La forza materica del cemento unita alla raffinatezza della trama tessile: si chiama TexCem il nuovo rivestimento Ragno che...

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna
Architettura

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna

Siete amanti di montagna e fotografia? Il nuovo Lumen Museum è il posto perfetto per voi.  Il museo, progettato...