Il Lifestyle del futuro secondo i Millennials Il Lifestyle del futuro secondo i Millennials
Design

Il Lifestyle del futuro secondo i Millennials

Scritto da Redazione |

11 Ottobre 2016

Consapevoli, tecnologici, eco-friendly, non omologati: quattro aggettivi per definire l’identità dei nuovi Millennials e le caratteristiche del loro rapporto con il mercato del mobile, alla ricerca di un approccio sempre più autentico e personalizzato.

 

Per sondare le abitudini e i desideri della cosiddetta Generazione Y, ossia di quegli “early millennial” nati tra il 1980 e la metà degli anni 90, in fatto di architettura e design, Federlegno Arredo ha deciso di commissionare a Pambianco Strategia un’indagine qualitativa dedicata al tema “Millennials e il mercato italiano del mobile”, nel tentativo di dare un volto ad una comunità invisibile che nel nostro paese comprende 11 milioni di persone e fa girare un’economia di proporzioni affatto trascurabili.

 

Dagli esiti della ricerca emergono alcuni tratti valoriali fondamentali che in linea di massima accomunano questa categoria di giovani dinamici e intraprendenti: la tendenza a scegliere gli arredi per la casa insieme al partner condividendo il momento dell’acquisto, la propensione a sperimentare e a considerare il lusso una questione di autenticità ed esperienza piuttosto che di costo, la sensibilità ai temi di responsabilità sociale e di salvaguardia ambientale, la capacità di dare importanza al presente, senza pensare troppo ad un futuro che si annuncia precario.

 

Cambiano anche le modalità di selezione e acquisto: internet è lo strumento preponderante grazie alle piattaforme e-commerce, mentre i social network e in particolare Instagram acquisiscono maggiore importanza nella fase di aggiornamento e orientamento delle tendenze, aggiungendosi al più tradizionale passaparola e agli spunti forniti dalle riviste di settore e dagli showroom; in netto calo, al contrario, il peso di architetti e interior designer nell’influenzare i meccanismi di consumo.

 

Attivi e sinceramente partecipi in tutte le fasi del processo di arredo, i Millennials amano il “mix&match” tra pezzi pregiati e occasioni low cost, immaginando ambienti che cambiano nel tempo insieme alle esigenze di coloro che li abitano; preferiscono la personalizzazione all’omologazione e si tengono informati sulle novità, frequentando volentieri eventi cult del settore come il Salone del Mobile di Milano.

 

Sensibili alle tematiche ambientali e soggetti al fascino delle soluzioni hi-tech, le ultime generazioni s’interessano ai materiali e alle tappe di lavorazione del prodotto, puntando all’ideale di una “casa intelligente”, automatizzata e interconnessa.

 

La sfida per le aziende italiane è dunque impegnativa ma estremamente affascinante, da raccogliere affinché innovazione green e autenticità siano sempre più le parole d’ordine del Lifestyle in versione Terzo Millennio.

Questo articolo parla di:

Precedente

Villa ristrutturata a Bezzecca: i serramenti li firma Alpilegno

Successivo

A Venezia gli architetti riflettono su radiatori e design

Milk, lampada o bottiglia di latte?
Design

Milk, lampada o bottiglia di latte?

Una lampada o una bottiglia di latte? È il mondo della pop art ad ispirare la nuova lampada Milk, disegnata da Emmanuel Gallina...

Dimorestudio progetta la boutique FENDI a Montecarlo
Architettura

Dimorestudio progetta la boutique FENDI a Montecarlo

Un mix di iconici arredi vintage, design contemporaneo da collezione e opere d’arte: questo è il concept elaborato da...

My Home Collection si veste di velluto
Design

My Home Collection si veste di velluto

Passione velluto. Con la sua attitudine iridescente, i colori lucenti e il tocco soft inconfondibile, il velluto...