Impatia, se il design è un gioco da ragazzi Impatia, se il design è un gioco da ragazzi
Design

Impatia, se il design è un gioco da ragazzi

Scritto da Giulia Guerra |

04 Ottobre 2016

Ci sono alcuni per cui il design è letteralmente un gioco da ragazzi. Per esempio, i fondatori di Impatia, giovane e dinamica azienda attiva da soli tre anni nel distretto produttivo di Busto Arsizio (Varese) e già lanciata alla conquista del mondo.

 

Abbiamo conosciuto Impatia a Cersaie 2016, nell’ambito della mostra evento Cer-Sail Italian Style Concept: un realtà imprenditoriale specializzata nella realizzazione di tavoli da gioco in versione luxury, capace di combinare nei suoi prodotti design, arte e artigianalità, promuovendo all’estero i valori più rappresentativi della creatività Made in Italy.

 

Racconta Sara Besnati, International Sales Marketing Manager di Impatia:

“Le nostre tre parole chiave sono design, lusso e Italia. I prodotti firmati Impatia sono progettati da designer italiani; soltanto in seguito si procede all’ingegnerizzazione e allo studio dei prototipi. Materie prime italiane e fornitori a chilometro zero completano un quadro produttivo estremamente flessibile: ogni prodotto in catalogo viene adeguato alle richieste del cliente, che può scegliere le finiture, la texture, i colori.”

 

C’è Filotto, il tavolo da biliardo; c’è Lungolinea, il tavolo da ping pong; c’è Unootto, il tavolo da poker ultimo arrivato nel catalogo dell’azienda, simile agli altri nell’eleganza formale e nella qualità dei materiali: cristallo, pelle, dettagli in acciaio, sono solo alcune delle possibili declinazioni di questi protagonisti dello spazio domestico, tutti personalizzabili, per rendere ancora più esclusiva l’esperienza del gioco.

 

Continua Besnati:

“Dobbiamo ammettere che il nostro mercato è prevalentemente estero, perché lì il Made in Italy viene decisamente più apprezzato. Chiaramente, le nostre proposte hanno un target di pubblico molto elevato: la nostra filosofia è H2H, Human To Human, un rapporto diretto e individuale con il cliente, per accontentarlo in tutte le sue esigenze, anche le più originali”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Julia Marmi a Cersaie 2016: intervista esclusiva a Francesca Laurino

Successivo

L’Opificio, tessuti sartoriali tra design e fashion

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux
Design

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux

È pensata per portare un tocco di sofisticata eleganza tanto negli hotel più raffinati quanto nei contesti residenziali...

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso
Architettura

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso

Ricucire le ferite ancora aperte dopo il dramma del terremoto del Centro Italia nel 2016 attraverso una progettazione...

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos
Design

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos

Si chiama Clochef la lampada a sospensione disegnata da Massimo Iosa Ghini per Leucos che si è recentemente aggiudicata il Good...