In Grand Tour con WallPepper In Grand Tour con WallPepper
Design

In Grand Tour con WallPepper

Scritto da Redazione |

17 Novembre 2017

Si chiamava Grand Tour il viaggio che nel XVII secolo i giovani aristocratici erano soliti intraprendere allo scopo di scoprire l’Europa e completare la propria formazione. 

Oggi che quei rocamboleschi spostamenti sono stati sostituiti dai voli low cost di Ryanair, WallPepper rievoca quelle atmosfere antiche e avventurose con la sua collezione, grazie anche alla fondamentale collaborazione con Archivio Scala, riproponendo negli ambienti domestici e negli spazi pubblici la grande ricchezza degli anni d’oro della civiltà, tra ornamenti, complementi e decori appartenuti ad un nobile passato. 

La carta da parati si trasforma così in un mezzo materico e pittorico per dare profondità agli interni, riproducendo l’universo ammaliante delle sale da ballo lussuosamente decorate, delle scalinate e dei colonnati di lucido marmo, degli squarci di palazzi reali e delle luminose arcate, tra affreschi, pavimenti decorati, volte monumentali, statue e altri richiami all’architettura e all’arte. 

Nell’intenzione dei suoi ideatori, Grand Tour è una collezione nata per suscitare stupore ed emozione, senza dimenticare la qualità tecnica: i supporti WallPepper sono infatti realizzati con base in cellulosa e fibre tessili; la carta da parati è ecologica ed esente da PVC, certificata in classe B1 per la resistenza al fuoco, inodore, traspirante, anallergica e idrorepellente, conforme anche all’utilizzo in spazi comuni legati alla sanità e all’istruzione. 

Infine, si adatta a qualunque contesto, è removibile a secco, non rovina l’intonaco e si stacca facilmente. Per viaggiare con la fantasia, ma nella massima comodità e sicurezza.

Questo articolo parla di:

Precedente

I laminati AECORE all’ADI DESIGN INDEX 2017

Successivo

Ad Architect@Work il calorifero che arreda: intervista a Piercarlo Luiselli di Brem

I cuscini in plexiglass patchwork di Colin Roberts
Design

I cuscini in plexiglass patchwork di Colin Roberts

Morbidezza psichedelica. È una strana sensazione quella evocata dagli originali cuscini in perspex (o plexiglass...

Office Pavilions di Kettal per un nuovo concetto di ufficio
Architettura

Office Pavilions di Kettal per un nuovo concetto di ufficio

All’ultima edizione di Orgatec il brand Kettal ha proposto un progetto in grado di delineare un nuovo concetto degli spazi di...

Il nuovo ristorante di Michele De Lucchi alle Gallerie d’Italia a Milano
Architettura

Il nuovo ristorante di Michele De Lucchi alle Gallerie d’Italia a Milano

Un nuovo spazio versatile e polifunzionale situato nel cuore di Milano, in Piazza della Scala, all’interno del museo...