Design

L’Opificio, tessuti sartoriali tra design e fashion

Ottobre 4, 2016
Avatar

scritto da:

L’Opificio, tessuti sartoriali tra design e fashion

Una grande tradizione familiare di passione per la sartorialità. Si potrebbe riassumere così, in una sola frase, la storia de “L’Opificio”, azienda tessile torinese guidata dai fratelli Paola, Barbara e Federico Bertoldo: abbiamo scoperto il loro entusiasmo a Cer-Sail, la mostra evento svoltasi a Bologna in occasione di Cersaie 2016.

 

 

Racconta Paola:

“Siamo specializzati nella produzione di tessuti da rivestimento e prodotto finito soffice, come cuscini, trapuntini e altri complementi. Siamo anche, e soprattutto, una famiglia, orgogliosa di fare impresa 100% Made in Italy. Tra l’altro, Barbara arriva dal mondo della moda: è lei la nostra designer e a lei si deve la speciale preziosità delle nostre collezioni, confortevoli e gioiose, ma sempre eleganti, in bilico tra design e fashion. Inoltre, seguiamo in azienda ogni fase del processo di realizzazione delle varie tipologie di tessuti, rigorosamente senza l’utilizzo di formaldeide”.

 

Velluti d’arredamento ignifughi, carte da parati ma anche tanta, tanta contaminazione: uno spirito poliedrico che emerge nelle collaborazioni creative, tra cui le sei versioni speciali della lounge-chair di Nigel Coates realizzate con Gebrüder Thonet Vienna e la carta da parati con Inkiostro Bianco.

 

Numerose, allegre e originali le proposte presenti in catalogo: tra queste Bloom, un mix di decori pennellati e riflessi metallici; Unit, resistente come solo l’intreccio di fibre naturali, lino e cotone, può essere; Ikat, per atmosfere asiatiche, reinterpretate in chiave macro e multicolore.

 

Qualità, raffinatezza, amore: perché a L’Opificio la sartorialità è una questione di emozione.