Le nuove lampade “spaziali” firmate Julie Lansom Le nuove lampade “spaziali” firmate Julie Lansom
Design

Le nuove lampade “spaziali” firmate Julie Lansom

Scritto da Redazione |

12 Aprile 2016

Quando si parla di Julie Lansom, occhio e manualità non possono essere messi in discussione. Del resto, la ragazza in questione è speciale: ha solo 27 anni e già due vite, una iniziata molto tempo fa e l’altra brillantemente in corso. Parigina, la prima passione è la fotografia, valido supporto per rimediare alla sua “shitty memory”, così come lei stessa, elegantemente, la definisce. Ma l’abilità a scattare non le basta, sente che la sua visione delle cose ha bisogno di esprimersi in modo ancora più “artigianale”. Da qui l’approdo al mondo del design.

 

Senza abbandonare il gusto per il viaggio e la scoperta, Julie comincia ad esplorare linee e materiali, studiandone le potenzialità, in equilibrio tra arte e artigianato. A questa ricerca, un’altra fascinazione si aggiunge: quella per la luce. Da tali e tante suggestioni nasce la nuova collezione di lampade Sputnik in legno verniciato, lana e cotone, ispirate alle prime spedizioni nello spazio, giocando tra nostalgie vintage e ambizioni futuristiche.

 

Ironia e versatilità diventano le parole chiave del progetto, i cui esemplari sono realizzati dalla designer su richiesta e sempre in perfetta sintonia con le esigenze dei clienti. E’ infatti possibile sceglie la soluzione preferita all’interno di una vasta gamma di varianti, per struttura e colore. Esistono inoltre lampade in versione da tavolo o a sospensione, e tutta la lavorazione è rigorosamente eco friendly.

 

Dopo la prova di Raimbow Collection, una serie di lampade in edizione limitata presentate al Salone del Mobile 2015, e la prima mostra personale italiana da poco conclusasi presso la Galleria Swing di Benevento, Julie Lansom si riconferma tra i talenti più originali nel campo dell’home living, settore in cui funzionalità e creatività trovano da sempre uno spazio ideale di reciproca armonia.

Precedente

Time is Time, al Fuorisalone un’istallazione per viaggiare oltre il tempo

Successivo

OKITE e Marco Piva presentano un futuro al quarzo

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di...

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino
Architettura

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

L’architettura in un cioccolatino. Sorprende e incuriosisce la scelta dell’ADI Design Index 2019 di selezionare come...

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen
Design

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Siamo a Essen, in Germania, una città dalla duplice anima: da un lato la grande storia dell’industria siderurgica locale...