Design

Lunapark, un coffee table che sa di festa

Luglio 4, 2017

scritto da:

Lunapark, un coffee table che sa di festa

Che cosa c’è di più divertente e scanzonato del passare un pomeriggio o una serata con gli amici all’interno di un parco divertimenti, tra le giostre, le caramelle, le luci e lo zucchero filato? Alessandro Zambelli ha preso un distillato di quella spensieratezza giocosa e l’ha tradotta in un nuovo progetto ideato per la galleria romana Secondome, chiamato non a caso Lunapark

Lunapark è un tavolino da appoggio in serie limitata e appartenente alla collezione Unplugged, che raccoglie una serie di complementi d’arredo realizzati a mano, in cui la lavorazione artigianale è in grado di esaltare e di far emergere caratteristiche inaspettate del materiale di cui ogni oggetto si compone. 

Realizzato in vetro di Murano attraverso la speciale tecnica di lavorazione della fusione da lastra, Lunapark (misure: cm 90L x 45L x 27H) risulta come un irresistibile trionfo pop, giocato su linee fluide pervase da una squillante luminosità cromatica, concentrando in un semplice coffee table un mondo di meraviglie. 

Grazie alla speciale lavorazione che caratterizza questo originale tavolino, il vetro scorre con tratto sinuoso a definire la forma dell’oggetto e, come fosse zucchero colato, imprigiona al suo interno micro-bolle di aria che rendono la superficie inaspettatamente morbida e vellutata; allo stesso modo, del tutto simile a materia fluida, asseconda docilmente la forma desiderata e si piega a definire gli elementi di appoggio strutturale che compongono il tavolino. 

Il segno grafico che percorre l’intera superficie del coffee table, definito dall’alternarsi vivace ed armonioso di bande differenti per lunghezza e per colore, si sussegue senza soluzione di continuità alla ricerca della forma perfetta, per stemperarsi poi nei contorni morbidamente smussati che definiscono le estremità dell’oggetto, caratterizzandole in modo del tutto singolare. 

Per quanto riguarda le varianti di colori, Lunapark è un complemento d’arredo totalmente personalizzabile, grazie alla possibilità di scelta di una palette cromatica multiforme che si esprime in tonalità neutre o delicatamente accennate così come in toni nettamente vivaci ed esuberanti (ametista chiaro e grigio scuro, viola e topazio, giallo e verde menta, acquamarina scuro e blu cobalto, e molte altre) in un caleidoscopio infinito di sfumature e di colori totalmente fedele alle immagini che il suo nome evoca.