Macrocosmos, la fantascienza design di Alessandro Zambelli Macrocosmos, la fantascienza design di Alessandro Zambelli
Design

Macrocosmos, la fantascienza design di Alessandro Zambelli

Scritto da Redazione |

23 Novembre 2017

Design sì, ma fantascientifico. Se negli ultimi tempi il pubblico sta riscoprendo la fascinazione per mondi ed entità extraterrestri, passando dall’apocalisse futurista di Blade Runner 2049 al Sottosopra mostruoso della serie TV Netflix Stranger Things, anche i maestri della progettazione scelgono di seguire l’onda della science fiction, riprendendone suggestioni e forme.

Lo fa anche Alessandro Zambelli con la nuova Macrocosmos, la prima linea di complementi d’arredo ideata, progettata e interamente realizzata dal designer: creata mediante l’utilizzo di una stampante 3D printing con tecnologia FDM e impreziosita da dettagli in ergal colorato e ottone, la collezione inaugura in modo ufficiale la nascita di Alessandro Zambelli Edizioni, il nuovo brand ideato dal progettista, dedicato alle sperimentazioni di design e alla realizzazione di oggetti e complementi in edizione limitata. 

Un’ispirazione che interseca con sguardo ironico mondo animale, vegetale e umano, mixando la perfezione geometrica da lente di ingrandimento dell’universo (micro) animale alle vivide cromie energizzanti del mondo vegetale, è all’origine di questa linea quasi alchemica, che Zambelli spiega così: 

 “Macrocosmos nasce da un desiderio del tutto personale, quello di rileggere in chiave contemporanea una particolare produzione che - fino a qualche decennio fa - ha caratterizzato il piccolo paese in cui vivo, ancora oggi conosciuto come il “paese dei balocchi” per la vastissima presenza di fabbriche di bambole e di giocattoli. Ho voluto così riscoprire quello stupore quasi irreale che da bambino provavo nel vedere cataste di casse di legno colme di porzioni di giocattoli da assemblare, reinterpretandolo attraverso il mio sguardo attuale: così è nata questa prima collezione di oggetti creati dall'assemblaggio di forme, colori e materiali diversi”. 

Macrocosmos comprende a oggi una serie di 8 elementi differenti per il mix combinato di forme e di colori, oltre che per la diversa dimensione: una collezione composita di vasi e di contenitori ideati come piccole presenze domestiche - al tempo stesso iconiche ed emozionali - che rivelano un astrattismo dal tratto inconfondibile fatto di vivida lucente matericità, di colori estrosi e vitali, linearità decise e preziosi dettagli iridescenti. 

Per un macrocosmo pop ironico e giocoso, che trova dimora in galassie lontane, e che può essere osservato e acquistato in anteprima all’interno dello shop online di LUISAVIAROMA.

Questo articolo parla di:

Precedente

Novy presenta la cappa Panorama

Successivo

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di...

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino
Architettura

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

L’architettura in un cioccolatino. Sorprende e incuriosisce la scelta dell’ADI Design Index 2019 di selezionare come...

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen
Design

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Siamo a Essen, in Germania, una città dalla duplice anima: da un lato la grande storia dell’industria siderurgica locale...