Margraf,  la preziosità del marmo per il Fondaco dei Tedeschi Margraf, la preziosità del marmo per il Fondaco dei Tedeschi
Design

Margraf, la preziosità del marmo per il Fondaco dei Tedeschi

Scritto da Redazione |

14 Novembre 2016

Tra gli eleganti palazzi lagunari che con il loro prestigio hanno lasciato un’impronta indelebile nel panorama di Venezia è impossibile non ricordare il Fondaco dei Tedeschi, affacciato sul Canal Grande con vista suggestiva sul famosissimo Ponte di Rialto.

 


Dopo una vicenda storica piuttosto travagliata, che l’ha visto passare attraverso incendi e varie proprietà, l’edificio, risalente al XIII secolo, è oggi gestito dal gruppo DFS, che occupa una posizione di primo piano a livello mondiale nel settore della vendita di prodotti d’alta gamma.

 

Si è dunque aperta una nuova fase per questa preziosa costruzione, segnata innanzitutto dal profondo intervento di ristrutturazione e restauro compiuto dall’archistar olandese Rem Koolhass in collaborazione con l’architetto e interior designer inglese Jamie Fobert, che ha firmato la decorazione interna.

 


Ed è stato proprio Jamie Fobert a scegliere i marmi Margraf per valorizzare l’area del complesso dedicata all’universo Beauty e situata al terzo piano, consapevole della qualità e del pregio garantiti dai prodotti dell’azienda, valori peraltro già dimostrati in occasione dei lavori alla Burlington Arcade di Londra, curati dallo stesso Fobert.

 

Così, per i 700 metri quadri della pavimentazione Margraf ha fornito il proprio marmo Bianco Laser in finitura lucida e tagliato su misura mentre, nel medesimo spazio commerciale, speciali basamenti e pilastri sono stati realizzati in Fior di Pesco Carnico, marmo del quale l’azienda possiede l’unica cava esistente al mondo e caratterizzato da tonalità variabili, dal grigio al rosa, al bianco, perfette per integrarsi al meglio con gli altri elementi in vetro.

Anche in questo caso Margraf riesce dunque a valorizzare l’equilibrio di tradizione e design contemporaneo, in un palazzo storico che, grazie a materie prime di qualità e ad un’estetica di eccellenza, recupera il suo charme e si prepara a vivere una rinnovata giovinezza.

Questo articolo parla di:

Precedente

Antrax IT, rosso e oro per i nuovi radiatori design

Successivo

Carimali, il benessere racchiuso nel soffione doccia

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia
Architettura

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia

Il Kistefos Sculpture Park di Jevnaker, in Norvegia, è il più grande parco di sculture dell’Europa settentrionale che...

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019
Design

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019

All’ultima edizione del Salone del Mobile.Milano Moscow c’è stato spazio anche per la Russia dei giovani designer, che...

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità
Design

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità

50 anni di Sacco: l’icona pop e anticonformista firmata Zanotta, simbolo della trasformazione culturale del ’68, non...