Matrix4Design intervista Matteo Brioni Matrix4Design intervista Matteo Brioni
Design

Matrix4Design intervista Matteo Brioni

Scritto da Redazione |

15 Novembre 2017

La storia di Matteo Brioni comincia quasi cent’anni fa, con una fornace tra i campi di Gonzaga che nei primi anni Venti diventa proprietà della sua famiglia: da qui si sviluppa un lavoro di continuo perfezionamento della produzione destinata all’architettura di qualità, fondato su valori umani e professionali vivi e presenti fino ad oggi.

Oggi, che l’eredità di questa esperienza viene raccolta dal brand Matteo Brioni, fondato nel 2010 per fare propri i principi fondamentali dell’etica, dell’estetica e della sostenibilità, rilanciandoli come base per la sperimentazione materica, verso nuove visioni di superficie e inedite prospettive dell’abitare.

La sfida è quella di realizzare una straordinaria gamma di finiture naturali, concepite per l’architettura e l’interior design a partire da un materiale unico, primitivo e sensoriale: la terra cruda. Plasmata per dare forma allo spirito contemporaneo ed esaltata nelle sue innate qualità, che vanno dalla resistenza al fuoco alla capacità di assorbire suoni e rumori, fino alla regolazione di umidità e temperatura, la terra cruda si trasforma nella materia prima su cui innestare nuovi aggregati e lavorazioni, alla ricerca delle forme della tridimensionalità.

Collaborazioni illustri con architetti, designer e noti marchi come Dada, Baleri Italia, Molteni&C, Agape, solo per citarne alcuni, testimoniano dunque l’eccezionalità del progetto di Matteo Brioni, mente e anima dell’azienda che noi abbiamo incontrato di recente per scoprire le novità più interessanti.

 

Cominciamo dalla fine. Gli ultimi progetti firmato Matteo Brioni si chiamano FRAGMEN e TERRAEVOCA. Può raccontarci di che cosa si tratta?

 

Che cosa rende unico e inimitabile un materiale come la terra cruda?

 

La sua famiglia lavora nel campo del laterizio dagli anni Venti (Fornace Brioni). Qual è la più grande eredità che le viene da quattro generazioni di esperienza familiare?

 

Le superfici Matteo Brioni sono versatili e anche ecologiche. Come si coniuga la sostenibilità con le esigenze dell’interior design? 

 

Quanto è importante per lei il radicamento nel suo territorio d’origine? In che modo questo legame ha a che fare con il concetto di etica produttiva?

 

Ci racconti la tua collaborazione con lo Studio Irvine?

 

Che progetti hai in serbo per il futuro?

Questo articolo parla di:

Precedente

La semplice poesia del design: intervista allo studio Bernhardt&Vella

Successivo

Sveva, la libreria componibile di Pagliaro e Saiano Design

Le nuove finiture metalliche di antoniolupi
Design

Le nuove finiture metalliche di antoniolupi

antoniolupi presenta le nuove finiture preziose pensate per arricchire le iconiche collezioni in Flumood del brand: il calore...

Slowear18, il mixology bar incontra il fashion store
Architettura

Slowear18, il mixology bar incontra il fashion store

Situato nel cuore di Milano (Via Solferino 18) e progettato dallo studio italiano Visual Display, Slowear18 è una nuova...

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite
Design

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite

Lo studio di architettura PEIA Associati ha di recente completato il restyling della prestigiosa Sala XIX delle Nazioni Unite a...