Nemo, una squadra di eccellenze per la Collection 2016 Nemo, una squadra di eccellenze per la Collection 2016
Design

Nemo, una squadra di eccellenze per la Collection 2016

Scritto da Redazione |

30 Maggio 2016

Comprare una lampada significa prendere una decisione importante, perché sarà lei da quel momento in poi ad illuminare le nostre giornate, più o meno cupe, più o meno soleggiate. Lo sanno bene da Nemo, azienda fondata a Milano nel 1993 e specializzata nella produzione di luci d’alta gamma. Le lampade, tutte rigorosamente realizzate in Italia, non sono solo strumenti funzionali ma veri e propri oggetti del cuore, creati per dare benessere a chi le possiede.

 

Una vocazione al comfort e all’estetica sofisticata che si rinnova ogni anno, grazie all’instancabile impegno dei dirigenti dell’azienda, sempre in cerca di designer dal pensiero illuminato, andando a pescarli tra nomi altisonanti, certo, ma senza disdegnare i giovani più promettenti.

 

Nasce proprio dal confronto con alcune delle più prestigiose figure del design nazionale e internazionale la collezione proposta da Nemo per il 2016, un percorso di ricerca finalizzato ad approfondire il tema delle sorgenti luminose, declinandoli nelle più diverse e suggestive soluzioni.

 

Tra le proposte si segnalano innanzitutto le lampade Olympia, firmate da Doriana e Massimiliano Fuksas, che hanno lavorato sulle luci LED in versione da parete, dotate di bracci mobili e orientabili tramite i quali protendersi nello spazio e di un diffusore per un’emissione a 360 gradi.

 

Il giovane Charles Kalpakian ha invece realizzato 3Tubes, una lampada a sospensione in bianco totale o in bianco e rame, capace di produrre un fascio luminoso diffuso e al contempo preciso grazie a tre sorgenti collocate in posizione asimmetrica.

 

Spigolo e Spigolo XS sono invece il progetto elaborato da Studiocharlie, un altro laboratorio creativo emergente che si è cimentato su una famiglia di lampade da terra, capaci di ruotare su se stesse e caratterizzate da una struttura in estruso con tubolare in alluminio.

 

Lo storico turbine creativo di Le Corbusier è poi all’origine della lampada in cemento Borne Béton (1952), in grado di adattarsi anche all’outdoor, mentre si distingue per originalità e anticonformismo l’installazione luminosa scaturita dalla mente di Rudy Ricciotti.

 

Prestigio, tradizione, innovazione: ecco l’essenza del design di Nemo, dove ogni oggetto è concepito per diventare un cult.

Questo articolo parla di:

Fotografie di www.nemolighting.com

Precedente

Lloyd, giochi di trasparenze per la libreria di Poltrona Frau

Successivo

Embroidery Chair, le sedute “stagionali” di Cappellini

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di...

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino
Architettura

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

L’architettura in un cioccolatino. Sorprende e incuriosisce la scelta dell’ADI Design Index 2019 di selezionare come...

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen
Design

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Siamo a Essen, in Germania, una città dalla duplice anima: da un lato la grande storia dell’industria siderurgica locale...