Nuovo look per Covent Garden: Londra riflette se stessa Nuovo look per Covent Garden: Londra riflette se stessa
Design

Nuovo look per Covent Garden: Londra riflette se stessa

Scritto da Redazione |

31 Marzo 2016

Covent Garden si rifà il look. Dopo le distorsioni illusionistiche di Alex Chinneck e i palloni giganti di Charles Petillon, protagonisti nelle stagioni 2014 e 2015, adesso è il momento dei giochi di specchi.

 

La design agency londinese Sculptivate, da tempo in prima linea nel mondo dell’arte e dell’architettura con i suoi progetti innovativi, si prepara a invadere uno degli spazi più noti e visitati della città con 67 pannelli-specchio che copriranno una superficie di ben 32 000 metri quadrati per un periodo di otto mesi.

 

L’istallazione, intitolata in modo evocativo “Reflect London”, occuperà la facciata esterna di Covent Garden allo scopo di invitare turisti e passanti a prendersi una pausa di contemplazione nella frenesia della vita cittadina, rivoluzionando la consueta prospettiva sullo storico mercato per dare vita ad un panorama capace di ampliarsi visivamente all’infinito.

 

Lo stile dell’opera si nutrirà di un inedito confronto-scontro tra i moduli tradizionali che caratterizzano le architetture del XIX secolo e il minimalismo moderno in una nuova veste caleidoscopica, grazie al sistema di rifrangenze e contrasti che la placcatura in vetro produrrà su luce, colori e forme.

 

Dunque, una soluzione di grande impatto, che tuttavia rivela a ben vedere una risorsa in più: infatti, gli specchi saranno un espediente per nascondere, sfruttando tutte le potenzialità del design e dell’arte, la prosecuzione dei lavori di ristrutturazione dell’area, schermando alla vista le strutture murarie coinvolte.

 

Sintetizza efficacemente Beverly Churchill, direttore creativo di Covent Garden: “Ci piace sorprendere, così, piuttosto che optare per i soliti cartelloni, abbiamo voluto creare qualcosa che attiri l’attenzione dei visitatori per guidarli verso la scoperta”. Missione compiuta.

Precedente

Nichetto per De La Espada, gli anni 50 arrivano a Shanghai

Successivo

T-Green, perché scegliere il fotovoltaico

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite
Design

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite

Lo studio di architettura PEIA Associati ha di recente completato il restyling della prestigiosa Sala XIX delle Nazioni Unite a...

CURA,  le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus
Architettura

CURA, le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus

In risposta all’attuale pandemia di coronavirus, gli architetti italiani Carlo Ratti e Italo Rota hanno progettato CURA...

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group
Design

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group

Terratinta Group è un’azienda leader sul mercato Nord Europeo nel settore delle piastrelle in grés porcellanato ed...