Oikos, a Cersaie arriva la CromoMaterioteca: le parole del presidente Balestri Oikos, a Cersaie arriva la CromoMaterioteca: le parole del presidente Balestri
Design

Oikos, a Cersaie arriva la CromoMaterioteca: le parole del presidente Balestri

Scritto da Redazione |

26 Settembre 2016

Colore, sostenibilità e innovazione. Sono questi i concetti chiave che Oikos vuole portare a Cersaie, il salone internazionale della ceramica per l’edilizia e l’arredobagno in scena in questi giorni a Bologna. Un momento per mostrare agli addetti ai lavori che la commistione tra innovazione, tradizione e benessere è possibile.

 

Per l’occasione, tra le mura della fiera bolognese, viene presentato l’ultimo progetto dell’azienda, la CromoMaterioteca. Un punto d’incontro dove il colore e la materia Oikos si possono toccare dal vivo, esplorare da ogni punto di vista e approfondire nella loro potenzialità estetica.

 

 

Un ambiente liquido, non definito e non chiuso, dove mondo fisico e mondo virtuale si uniscono, dando vita a un nuovo immaginario che mostra le infinite possibilità di materia e di colore diventando un’esperienza multi-sensoriale e dove l’unico limite possibile è l’immaginazione.

 

 

Una creatività che traspare dalle parole del presidente di Oikos, Claudio Balestri, che abbiamo incontrato proprio al Cersaie.

 

“La parola innovazione è parte della mia persona e della mia azienda. Abbiamo sempre guardato allo sviluppo e alla crescita con un occhio rivolto alla sostenibilità. Innovare non basta, serve farlo rispettando l’ambiente. Io stesso arrivo da un mondo contadino, con una gioventù passata in mezzo alla natura. Volevo che la mia azienda rispettasse quel mondo. Così, 32 anni fa, proprio mentre in America nasceva una piccola azienda che dell’innovazione ha fatto la sua ragione di vita (e mi riferisco a un colosso come Apple), io ho scelto di intraprendere una strada diversa, facendo business ma con consapevolezza e rispetto di questa natura, di cui siamo gestori e non proprietari”.

 

“Oggi siamo qui a raccontare la raccolta di esperienza che abbiamo fatto negli anni. Un racconto che si chiama CromoMaterioteca, letteralmente il contenitore del colore della materia, ma che altro non è che un contenitore di esperienze. Esperienze che vogliamo mostrare e mettere a disposizione della filiera e del progettista. Vogliamo che l’utente possa vedere in un unico luogo tutto ciò che ruota intorno al colore e alla materia, per vivere con benessere nell’ambiente che ci circonda, evitando prodotti nocivi e utilizzando colori consoni al luogo”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Natura 4000, la rivoluzione dello spazio doccia firmata Duka

Successivo

Glass1989 a Cersaie 2016: intervista esclusiva alla brand manager Barbara Borghesan

I cuscini in plexiglass patchwork di Colin Roberts
Design

I cuscini in plexiglass patchwork di Colin Roberts

Morbidezza psichedelica. È una strana sensazione quella evocata dagli originali cuscini in perspex (o plexiglass...

Office Pavilions di Kettal per un nuovo concetto di ufficio
Architettura

Office Pavilions di Kettal per un nuovo concetto di ufficio

All’ultima edizione di Orgatec il brand Kettal ha proposto un progetto in grado di delineare un nuovo concetto degli spazi di...

Il nuovo ristorante di Michele De Lucchi alle Gallerie d’Italia a Milano
Architettura

Il nuovo ristorante di Michele De Lucchi alle Gallerie d’Italia a Milano

Un nuovo spazio versatile e polifunzionale situato nel cuore di Milano, in Piazza della Scala, all’interno del museo...