OKITE e Marco Piva presentano un futuro al quarzo OKITE e Marco Piva presentano un futuro al quarzo
Design

OKITE e Marco Piva presentano un futuro al quarzo

Scritto da Redazione |

12 Aprile 2016

Quarzo, materiale del futuro. Minerale tra i più robusti in natura, cinque volte più del granito, non poroso, anti macchie, anti graffio, resistente al calore: queste sono solo alcune delle qualità che rendono il quarzo una vera e propria risorsa dalle molteplici applicazioni, specialmente nella creazione di ambienti naturali e altamente scenografici.

 

Oggi, al Fuorisalone di Milano, negli spazi del Brera Design District in Corso Garibaldi 65, nasce il Tempio di Archimede, futuristica installazione realizzata dall’architetto Marco Piva, specializzato nel comparto della progettazione Contract, in collaborazione con OKITE, brand 100% Made in Italy, punto di riferimento internazionale nella produzione dei piani per cucine e bagni nonché leader nel mercato delle superfici al quarzo, apprezzato in tutto il mondo, dagli Stati Uniti agli Emirati Arabi.

 

L’opera ha consentito di plasmare un ambiente in cui i volumi e le geometrie in grado di evocare architetture antiche trovano il modo di incrociarsi con nuove prospettive estetiche, ideate sfruttando i più recenti sviluppi in campo hi-tech. Una grande vasca dal valore simbolico è collocata al centro di un iperspazio colorato e innovativo, perfetto per mostrare le infinite possibilità funzionali del quarzo, materiale versatile le cui applicazioni ad ampio raggio rappresentano una soluzione ideale per tutte le declinazioni dell’interior design, conferendo un tocco contemporaneo ad ogni tipo di ambiente, residenziale o commerciale.

 

Protagonista dell’esposizione è la nuova collezione Translucent, le cui caratteristiche di trasparenza e retroilluminabilità, in tre possibili versioni, costituiscono un modello esemplare delle potenzialità di questo materiale.

 

Armonia e bellezza, all’insegna della purezza formale e della tecnologia, ma non solo: durante la Design Week, OKITE e lo studio Marco Piva saranno protagonisti in altre due speciali occasioni: la main sponsorship dll’iniziativa Charity in collaborazione con Oxfam e l’Associazione di Via Durini e poi l’esposizione di elementi design presso il negozio Hogan in Via Montenapoleone. Impegno, moda e design: così gli orizzonti si allargano.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Le nuove lampade “spaziali” firmate Julie Lansom

Successivo

ASUS, al Fuorisalone tutto l’incanto della tecnologia

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite
Design

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite

Lo studio di architettura PEIA Associati ha di recente completato il restyling della prestigiosa Sala XIX delle Nazioni Unite a...

CURA,  le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus
Architettura

CURA, le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus

In risposta all’attuale pandemia di coronavirus, gli architetti italiani Carlo Ratti e Italo Rota hanno progettato CURA...

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group
Design

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group

Terratinta Group è un’azienda leader sul mercato Nord Europeo nel settore delle piastrelle in grés porcellanato ed...