Philippe Starck rivisita la stufa a modo suo Philippe Starck rivisita la stufa a modo suo
Design

Philippe Starck rivisita la stufa a modo suo

Scritto da Redazione |

28 Aprile 2016

Siamo ormai alle soglie dell’estate, certo fa un po’ strano pensare ai sistemi di riscaldamento. Eppure, sembra non pensarla esattamente così Philippe Starck, uno dei designer più blasonati al mondo che, in occasione della fiera internazionale Progetto Fuoco, tenutasi a Verona lo scorso febbraio, ha presentato la sua ultima, rivoluzionaria creazione: una stufa.

 

Si chiama Speetbox, è prodotta dall’azienda francese Speeta e non è, ovviamente, una stufa qualunque. Progettata partendo dal concetto di modulo, essa si compone di due cubi 50cmX50cm, rispettivamente corrispondenti al modulo fuoco e al modulo elettronico.

 

Essi, tuttavia, non sono altro che la base di partenza per creare una vasta serie di “prodotti derivati”, come piccoli depositi per la legna, scaffali libreria, contenitori di ciottoli che trattengono il calore.

 

Un impianto flessibile e innovativo che coniuga il valore estetico alle alte prestazioni energetiche, con un sensibile risparmio in termini di consumi rispetto alle stufe a legna tradizionali così come notevolmente inferiore risulta lo spargimento di polveri nell’aria.

 

L’eccellente combinazione di linearità e tecnologia, design ed efficienza, ideato e realizzato da Starck, possiede poi una risorsa inedita: la possibilità di monitorare l’intero sistema di funzionamento della stufa, tenendo sotto controllo le emissioni e programmando i parametri, tutto tramite il semplice ricorso ad un’applicazione per smartphone disponibile su Android e su Apple Store.

 

Una classica intuizione alla Philippe Starck: la cara vecchia stufa non è mai stata così moderna.

Questo articolo parla di:

Precedente

Casa Monte delle Gioie, design industriale dall’appeal contemporaneo

Successivo

Fish&Fish, Paola Navone porta il mare in cucina

La Metropolitana di Napoli diventa un museo
Architettura

La Metropolitana di Napoli diventa un museo

Arte d’avanguardia, architettura ipnotica, viabilità urbana: mondi diversi che si uniscono nella celebre Metropolitana...

Manital sbarca in Cina
Design

Manital sbarca in Cina

Manital, azienda italiana con forte vocazione internazionale che da 28 anni realizza maniglie di design, porta l'eccellenza...

Lo Tsinghua Art Museum di Mario Botta a Pechino
Architettura

Lo Tsinghua Art Museum di Mario Botta a Pechino

L’edificio del TAM (Tsinghua Art Museum), disegnato da Mario Botta Architetti sulla base di un progetto di concorso del...