Design

Salone 2017, Alma Design concede spazio al futuro: i giovani

Aprile 10, 2017
Avatar

scritto da:

Salone 2017, Alma Design concede spazio al futuro: i giovani

Per immaginare il futuro occorrono le menti del futuro. Quale miglior modo di riuscirci allora, deve aver pensato un marchio fresco e dinamico come Alma Design, se non coinvolgendo i ragazzi e le ragazze che quel futuro lo costruiranno con la loro fantasia e la loro creatività. Tra le tante novità presentate in occasione del Salone del Mobile 2017, Alma Design ha scelto di proporre un progetto innovativo, selezionando per l’esposizione una serie di lavori realizzati dagli studenti del Liceo Artistico Nanni Valentini di Monza, guidati dall’architetto Gloria Crovi.

 

Per conoscere a fondo i retroscena della preparazione dei prototipi, la realizzazione dei progetti e le relazioni instaurate con l’azienda, abbiamo deciso di fare due chiacchiere proprio con i soggetti coinvolti: gli studenti.

 

“Il progetto nasce dall’idea di creare un componente d’arredo, un pouf per la precisione. L’azienda ha dato il tema: l’ampliamento del settore casa. La classe ha dovuto tirare così fuori una fase creativa che ha portato alla realizzazione, in 18 ore, di 24 schizzi”, raccontano i ragazzi.

 

Ad accompagnare i ragazzi in questa avventura c’era anche, come detto, l’architetto Gloria Crovi ci ha raccontato: “Alma è un’azienda che guarda al futuro. Dopo aver scelto i 3 schizzi, hanno accompagnato personalmente i ragazzi nelle diverse tappe che hanno portato alla realizzazione dei prototipi”.

 

A essere presentati, allo stand di Alma Design, in questa edizione del Salone 2017, sono stati in particolare i progetti Nim di Alessandro Radice e Barrìc di Mattia Della Torre, raccontati dai rendering e dalle foto riportate qui sotto.