Space&interiors, il futuro è leggero Space&interiors, il futuro è leggero
Design

Space&interiors, il futuro è leggero

Scritto da Redazione |

06 Aprile 2017

Partire dal concetto di leggerezza per studiare nuove prospettive e visioni degli ambienti in cui viviamo, mettendo al centro il tema dei materiali e delle finiture: è questo l’obiettivo della nuova edizione di space&interiors che, durante la Milano Design Week e sotto l’attenta guida dello studio internazionale Migliore+Servetto Architects, riunisce negli spazi di The Mall Porta Nuova una rosa di aziende selezionate che hanno raccolto la sfida dell’innovazione.

Carrara Fiere è presente nello spazio “La luce del marmo”, con otto suggestive sculture firmate da grandi architetti tra cui Kengo Kuma e Fabio Novembre, che si sono cimentati nell’esaltazione materica del marmo: smaterializzandosi nella sua struttura, infatti, il marmo crea nuove trasparenze e incredibili forme per offrire ai designer inedite potenzialità.


Le tecnologie avanzate di lavorazione sono poi interpretate nella realizzazione dei loro prodotti da Julia Marmi e da Cluster Arredo Sistema casa, la quale presenta tra l’altro anche un’interessante ampliamento del campo di applicazione su una serie di ulteriore materiali.

La leggerezza è poi rintracciabile in prodotti diversi come generale tendenza all’essenzialità, in cui la fisicità è alleggerita e smussata tramite l’intelligenza del design e l’innovazione tecnologica: sia nei serramenti di Jansen, Erco srl, Mogs srl e Zanette Group sia inaspettatamente nelle porte di Barausse srl, DI.BI. porte blindate srl, Effebiquattro spa, Legnoform srl, Oikos Venezia srl, Okey, Torterolo&Re e Vighi Security doors spa.

Anche nel campo dei dettagli di architettura, la stessa logica di abbinamento tra design e tecnologia trova applicazione nei nuovi prodotti presentati da Of cine Mandelli srl, Oli srl e Salice Paolo srl.

L’avanzamento della tecnologia nell’ambito delle decorazioni viene esemplificato dai prodotti proposti da Lu-bek srl, Mazzonetto Wood oors, Renolit Italia srl e Fewood, aprendo così a nuovi risultati incentrati sempre sulla leggerezza: dalla bidimensionalità alla tridimensionalità, all’ampliamento della gamma delle texture fino a esplorare tutte le potenzialità della personalizzazione.

Un’altra rivisitazione della leggerezza, infine, è certamente quella che gioca con gli infiniti riflessi della luce, laddove il progetto si concentra sia sull’integrazione dell’elemento luminoso nel materiale sia sulla relazione che il materiale instaura con la luce e con il suo riverbero.

Proprio in quest’ottica, dunque, si possono leggere le proposte innovative di aziende come Bianchi Lecco srl, Abet Laminati Spa e Oikos srl, nel campo dei rivestimenti e delle finiture,  Effeitalia srl e Giardini Wallcoverings, nel campo del tessile.

Sul filo del lightness, space&interiors unisce così la solidità delle aziende coinvolte, con il loro patrimonio di tecnologia ed esperienza, alla leggerezza di una progettazione rigorosa ma sognante, per immaginare un futuro dalla struttura forte, con un’anima soft.

Questo articolo parla di:

Precedente

Italamp, artigiani della luce: intervista a Danilo De Rossi e Roberta Vitadello

Successivo

De Castelli, l’innovazione è donna: Albino Celato racconta Tracing Identity

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma
Architettura

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico e artista: nel corso della sua vita, iniziata e conclusa a...

Martini, il mobile veronese verso il 2020
Design

Martini, il mobile veronese verso il 2020

Per chi fa impresa i cambiamenti della società e del mercato generano ogni giorno nuove sfide: quando queste interessano il...

 Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti
Design

Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti

Sponge, “spugna”, è il nome della collezione di vasi da fiori progettati dall’architetto e designer italiano Moreno...