SUPERSTUDIO, il design è adesso SUPERSTUDIO, il design è adesso
Design

SUPERSTUDIO, il design è adesso

Scritto da Redazione |

05 Aprile 2017

Anche quest’anno SUPERSTUDIO, il luogo iconico del design a Milano, situato nel Tortona Design District, è protagonista dell’agenda del Fuori Salone, di cui fin dal 2000 rappresenta uno dei principali animatori: con il progetto SUPERDESIGN SHOW (che continua e incorpora il successo del Temporary Museum for New Design), Superstudio continua la sua mission orientata verso qualità ed innovazione, puntando oggi più che mai sulla ricerca, sulla libertà di scelta e idee, sulle contaminazioni tra arte e design, tra industria e artigianato, tra tradizione e futuro, tra semplicità e meraviglia.

 

Tra gli appuntamenti da non perdere, ecco innanzitutto le spettacolari installazioni Temporary Museum: per il suo 70° anniversario, infatti, LG porta un grandioso artwork futuristico curato da Tokujin Yoshioka, mentre gli incredibili vetri giapponesi di AGC Asahi Glass emozionano lo spettatore proponendo Touch, un "vetro da toccare" creato con un materiale altamente espressivo, in collaborazione con Jin Kuramoto e lo studio londinese Raw-Edges.

 


Una visita è d’obbliogo all’eclettico Materials Village curato da Material ConneXion, ma anche alle Gallery dedicate a singole aziende o designer, in unione alle “Parade” che presentano una successione di proposte di grande impatto; infine, la novità di un padiglione con mostra e incontri dedicato alle Smart City.

 

Discovering: People&Stories  apre invece al mondo degli autori, dei giovani, degli indipendenti, dei maker, con l’intervento artistico di Alessandro Guerriero e in collaborazione con eBay; d’altro canto, Selected Objects, mostra collettiva per proposte pret-à-vivre, è dedicata alle piccole e medie aziende, vetrina di interessanti e meno noti produttori italiani e esteri.

 

Tutto sotto il segno del Time To Color!, il “coloratissimo” tema dell’anno scelto da Superdesign per sottolineare la nuova forte tendenza multivitaminica.

 


Tra le proposte, Yokohama Makers Village presenta l’ultima collezione “Flower/Metal”, con tableaux di vasi di design in perfetto stile giapponese che mostrano l’armonia nata dall’incontro di materiali antagonisti e valorizzano i colori dei fiori; Sunbrella, specialista dei tessuti da esterno altamente performanti, mette in scena le ultime colorate proposte e una mega installazione che accoglierà i visitatori all’ingresso del corpo centrale di Superstudio firmata dall’acclamato artista e fotografo francese Charles Pétillon; Slide, leader della produzione di arredi luminosi stampati con la tecnica della moulded rotation in collaborazione con famosi architetti e noti artisti, presenta l’installazione “Light&Pop”, uno scenario con nuovi prodotti dove il colore è protagonista assoluto, a cura di Giò Colonna Romano e Roberto Paoli.

 

Ancora, Radici Contract, number one delle moquette Made in Italy, rinnova la sua collezione con colori ad effetti speciali, come lo straordinario e immenso tappeto arcobaleno appositamente realizzato per Superdesign 2017 su disegno di Carolina Nisivoccia; Dresswall è invece un sistema costruttivo evoluto che permette di realizzare elementi di comunicazione luminosi e leggeri, senza limiti e con infinite possibilità di personalizzazione.


 

Un capitolo a parte è quello del Food And Drink Design: PepsiCo presenta lo spettacolare progetto Mix It Up 2017 e crea con Mathieu Lehanneur, Luca Nichetto, Fabio Novembre, lo Chef Davide Oldani, Studio Job, Patricia Urquiola e molti altri, una esplorazione tra passato, presente e futuro, di come cibo e bevande vengono consumati nella nostra società iperconnessa.

 


All’ora dell’aperitivo sul Roof un flûte di Prosecco Valdo che presenta la nuova Valdo Rosè Floral Edition 2017, disegnata da Fabrizio Sclavi, mentre alla Superstudio Floral Lounge si svolge anche un'esposizione inedita ed esclusiva di tableaux realizzati da Fabrizio Sclavi per Valdo, che trattano il tema Floral negli interni.

 

Sempre sul Roof, SymposiumLab presenta un evento di design applicato all’eccellenza gastronomica con i nuovi bracieri multifunzione olandesi Ofyr, la collaborazione di Pedini Cucine e la brigata del maitre di Osteria Francescana Giuseppe Palmieri, immersi nel verde e nell’arte con la straordinaria cornice del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto.

 

Un intero padiglione è poi dedicato alla Polonia e al polish design: “Tomorrow is Today” è la prima mostra collettiva che offre uno sguardo sul futuro del design polacco grazie alla partecipazione di 8 Università Statali da tutta la Polonia e le loro facoltà di progettazione.

 

Anche Keio, prestigiosa università giapponese, porta avanti una significativa ricerca sulle necessità e le esigenze di vita pratica e quotidiana con soluzioni ad avanzata tecnologia presentate in una installazione interattiva curata da Manabu Tago.

 

Nel campo dell’alta tecnologia, Dassault Systèmes presenta lo “studio del futuro”, soluzioni all’avanguardia per il design creativo e la progettazione d’interni, per abbozzare nuove idee di prodotti direttamente in 3D su un tablet e visualizzarle subito con rendering fotorealistici in un ambiente virtuale immersivo interattivo.

 

Gore-Tex utilizza la realtà virtuale per comunicare la duttilità e il confort del materiale: ogni visitatore vedrà formarsi su un LED wall in modo interattivo un proprio profilo colorato e un diverso skyline naturale.

 

IBM racconta nell’area di Materials Village esempi di utilizzo di Watson, la tecnologia cognitiva che interagisce con l'uomo in linguaggio naturale e permette di accrescere le potenzialità e le competenze degli esperti in ogni settore.

 

Digital Habits approfondisce il rapporto tra utente, contesto e comandi nei prodotti elettronici grazie ai prototipi di interfacce basate su smartphone e Tivoli Audio rinnova la radio più iconica.

 

L’offerta di Superstudio continua infine con il servizio Hospitality, una nuova iniziativa che risponde alla necessità di ospitalità di breve o medio periodo a Milano durante i numerosi eventi ospitati al Superstudio, in zona Tortona o diffusi in città: sette confortevoli appartamenti, in zone centrali e in palazzi firmati dai grandi architetti milanesi, tutti affacciati sui famosi giardini interni caratteristici di Milano, ristrutturati e arredati con mobili di design, opere d’arte e art design.

 

Pronti per fare immersione nel design del futuro?

Questo articolo parla di:

Precedente

Ceramiche Refin presenta la collezione Twist: intervista a Paolo Cesana

Successivo

Nemo al Salone 2017, Federico Palazzari racconta il design della luce

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma
Architettura

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico e artista: nel corso della sua vita, iniziata e conclusa a...

Martini, il mobile veronese verso il 2020
Design

Martini, il mobile veronese verso il 2020

Per chi fa impresa i cambiamenti della società e del mercato generano ogni giorno nuove sfide: quando queste interessano il...

 Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti
Design

Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti

Sponge, “spugna”, è il nome della collezione di vasi da fiori progettati dall’architetto e designer italiano Moreno...