T-Green, perché scegliere il fotovoltaico T-Green, perché scegliere il fotovoltaico
Design

T-Green, perché scegliere il fotovoltaico

Scritto da Redazione |

31 Marzo 2016

Il problema del consumo e dell’approvigionamento energetico sarà certamente una delle questioni centrali da affrontare nel nuovo millennio, in relazione alle prospettive di sviluppo e benessere da garantire su scala mondiale. Non a caso, gli ultimi anni hanno visto un notevole incremento degli sforzi nella ricerca sulle energie rinnovabili, mirando ad una fornitura sempre più efficace e conveniente da un punto di vista economico.

 

Il 2016 potrà dunque presentarsi come l’anno ideale per decidere di affidarsi alle nuove fonti di energia, in particolare quella solare, mediante l’adozione su larga scala di impianti fotovoltaici. Azienda leader nel settore è la bresciana T-Green, attiva su tutta l’aria del Nord Italia, capace di coniugare affidabilità e competenza con alti standard qualitativi, garantiti da una squadra di tecnici interni specializzati.

 

Decidere oggi di optare per il fotovoltaico significa poter contare su tutta una serie di agevolazioni a partire dall’anno in corso, in primis una detrazione fiscale del 50%, che implica dunque costi dimezzati a fronte di un recupero della spesa dopo soli 5/6 anni di utilizzo dell’impianto.

 

Inoltre, si tratta di una scelta che consente di risolvere i problemi legati ai continui aumenti del costo dell’energia elettrica, specialmente considerando i dati delle ultime statistiche, che segnalano rincari annui del 4/5%.

 

In aggiunta, T-Green propone soluzioni tecnologicamente molto avanzate: è infatti possibile integrare l’impianto fotovoltaico con sistemi di accumulo in batterie al litio, consentendo così di sfruttare nel periodo notturno l’energia immagazzinata durante le ore di luce, oppure abbinare una pompa di calore per l’acqua calda sanitaria, abbattendo così di oltre il 50% la spesa per il riscaldamento idrico.

 

Un’occasione da non perdere, quella del fotovoltaico: è il futuro che ci aspetta, meglio farsi trovare preparati.

Precedente

Nuovo look per Covent Garden: Londra riflette se stessa

Successivo

PS House, il design sloveno rilanciato da SoNo Architects

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite
Design

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite

Lo studio di architettura PEIA Associati ha di recente completato il restyling della prestigiosa Sala XIX delle Nazioni Unite a...

CURA,  le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus
Architettura

CURA, le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus

In risposta all’attuale pandemia di coronavirus, gli architetti italiani Carlo Ratti e Italo Rota hanno progettato CURA...

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group
Design

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group

Terratinta Group è un’azienda leader sul mercato Nord Europeo nel settore delle piastrelle in grés porcellanato ed...