The Transaction Project, così l’artigianale diventa digitale The Transaction Project, così l’artigianale diventa digitale
Design

The Transaction Project, così l’artigianale diventa digitale

Scritto da Redazione |

24 Agosto 2016

L’innovazione dei materiali va in mostra. E’ questo quel che accade fino al 2 ottobre 2016 presso il Design Museum di Gent, in Belgio, dove saranno esposti i sorprendenti risultati di The Transaction Project, frutto del lavoro congiunto dell’artista e ricercatore di origine svedese Charles Stern, del ceramista britannico Jonathan Keep e di Studio Unfold.

 

L’idea di partenza del team era quella di trovare l’anello di congiunzione perfetto tra lavorazione artigianale e produzione industriale, sfruttando le crescenti possibilità di integrazione tra materiali e tecnologia.

 

Dopo due lunghi anni di lavoro, ricerca e sperimentazione, la sfida di annullare il tradizionale coefficiente d’incompatibilità tra materiali considerati distanti come ceramica e vetro, separati dai diversi tempi di dilatazione, è stata finalmente vinta, grazie all’impiego combinato di ceramica stampata in 3D e soffiatura del vetro.

 

Un metodo di lavorazione innovativo che, mediante il controllo rigoroso di materiali e forme, si traduce in una serie di prodotti dalla doppia natura, la cui fabbricazione è in parte artigianale e in parte digitale.

 

Un linguaggio di questo tipo apre orizzonti inesplorati che guardano al futuro della produzione, un futuro di combinazioni impossibili e probabilmente a basso costo di cui in Belgio possiamo avere oggi un assaggio, davvero imperdibile.

Questo articolo parla di:

Precedente

Kale Italia, tutte le novità di Cersaie 2016

Successivo

Accademia del Mobile, per sempre in vacanza con le nuove cere naturali

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux
Design

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux

È pensata per portare un tocco di sofisticata eleganza tanto negli hotel più raffinati quanto nei contesti residenziali...

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso
Architettura

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso

Ricucire le ferite ancora aperte dopo il dramma del terremoto del Centro Italia nel 2016 attraverso una progettazione...

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos
Design

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos

Si chiama Clochef la lampada a sospensione disegnata da Massimo Iosa Ghini per Leucos che si è recentemente aggiudicata il Good...