Villa ristrutturata a Bezzecca: i serramenti li firma Alpilegno Villa ristrutturata a Bezzecca: i serramenti li firma Alpilegno
Design

Villa ristrutturata a Bezzecca: i serramenti li firma Alpilegno

Scritto da Redazione |

11 Ottobre 2016

A Bezzecca, in provincia di Trento, c’è una villa privata con sopraelevazione dove il legno è stato scelto come protagonista assoluto nella ristrutturazione degli spazi, in sintonia con la tradizione costruttiva locale.

 

L’architetto Fabio Arduini dello Studio di Architettura Montresor & Arduini Associati di Bussolengo ha scelto Alpilegno per la progettazione e la realizzazione di elementi fondamentali come i serramenti, le porte interne e il portoncino d’ingresso, per poter interpretare al meglio la vocazione naturale dell’edificio.

 

Un’attenzione alla natura che domina sin dalla facciata, rivestita con doghe in legno di larice, mentre la muratura che caratterizza il basamento è stata intonacata; in aggiunta, la falda principale del tetto contiene un impianto di pannelli fotovoltaici incassati a filo copertura.

 

Il soggiorno è il punto focale dell’abitazione, valorizzato nella sua eccezionalità dalla scelta di inserire un alzante scorrevole ad angolo, modello Eternity, fabbricato in legno di abete e alluminio, personalizzato nelle finiture e internamente dotato di tendine motorizzate oscuranti collegate al sistema domotico.

 

Per fare sì che l’ambiente risultasse luminoso e senza soluzione di continuità rispetto al paesaggio esterno, la grande apertura vetrata che si affaccia sulla terrazza prevede la presenza di un serramento con soglie a filo pavimento e con chiusura ad angolo anta su anta, senza barriere; inoltre, il progetto ha previsto l’introduzione di sopraluce sia fissi che apribili motorizzati, di grande impatto estetico.

 

Il piano terra comprende un’area spa dotata di sauna e piscina idromassaggio con vista sul giardino: qui la zona wellness è separata dall’anticamera e dall’esterno grazie ad altri alzanti modello Eternity, scorrevoli e con ante a scomparsa, studiati ad hoc in previsione della loro collocazione.

 

Altrettanto sofisticate le porte interne realizzate in legno massiccio selezionato, caratterizzate da cerniere a scomparsa e dall’anta complanare su telaio interno; così il portoncino d’ingresso coibentato Clima 72 in larice, munito di serratura di sicurezza elettronica e arricchito da finiture pantografate, con vetro fisso antisfondamento.

 

Qualità, resistenza, alta tecnologia: valori che dal 1995 Alpilegno concilia con la passione per il legno, alla ricerca di soluzioni sempre nuove, orientate ad un concetto di casa dal design davvero inconfondibile.

Questo articolo parla di:

Precedente

Wall&Decò, nuove grafiche e rivestimenti a Cersaie 2016

Successivo

Il Lifestyle del futuro secondo i Millennials

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia
Architettura

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia

Il Kistefos Sculpture Park di Jevnaker, in Norvegia, è il più grande parco di sculture dell’Europa settentrionale che...

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019
Design

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019

All’ultima edizione del Salone del Mobile.Milano Moscow c’è stato spazio anche per la Russia dei giovani designer, che...

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità
Design

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità

50 anni di Sacco: l’icona pop e anticonformista firmata Zanotta, simbolo della trasformazione culturale del ’68, non...