Da gasometri ad abitazioni, la sfida di Wilkinson Eyre Da gasometri ad abitazioni, la sfida di Wilkinson Eyre
Architettura

Da gasometri ad abitazioni, la sfida di Wilkinson Eyre

Scritto da Redazione |

16 Marzo 2018

Ci sono stati anni in cui l’inquinamento non era un nemico da sconfiggere ma un simbolo di modernità e di progresso: gli stessi anni in cui il grigio “fumo di Londra” era davvero il colore di quella città e la sua celebre stazione di King’s Cross era un vero e proprio distretto industriale, oggi dismesso. 

Di questo distretto fanno però ancora parte gli antichi gasometri, costruiti per immagazzinare il gas utilizzato per l’illuminazione della città e per il consumo domestico: da qui l’intervento dello studio di architettura londinese Wilkinson Eyre, proprio con lo scopo di recuperare i Gasholders vittoriani dell'area e trasformarli in complessi residenziali. 

All'interno di tre cilindri di diverse altezze i progettisti hanno perciò ricavato ben 145 appartamenti, rispettando all’esterno l’estetica industriale degli edifici grazie alla conservazione dei telai in ghisa; d’altro canto, uno specchio d’acqua occupa il cortile centrale e i tetti ospitano bellissimi giardini. 

Per quanto riguarda il design d’interni, a dominare è la luce, che irradia non solo gli appartamenti ma anche una business lounge, una suite di intrattenimento con sala proiezioni, un bar e una sala da pranzo privata

Un grande esempio di riqualificazione delle strutture storiche industriali che indica una strada da seguire in casi più o meno simili.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Balkrishna Doshi vince il Pritzker Prize 2018

Successivo

Fabio Novembre riprogetta il campus Lamborghini

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux
Design

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux

È pensata per portare un tocco di sofisticata eleganza tanto negli hotel più raffinati quanto nei contesti residenziali...

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso
Architettura

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso

Ricucire le ferite ancora aperte dopo il dramma del terremoto del Centro Italia nel 2016 attraverso una progettazione...

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos
Design

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos

Si chiama Clochef la lampada a sospensione disegnata da Massimo Iosa Ghini per Leucos che si è recentemente aggiudicata il Good...