Il nuovo Business District Bengasi di Stefano Boeri Architetti Il nuovo Business District Bengasi di Stefano Boeri Architetti
Architettura

Il nuovo Business District Bengasi di Stefano Boeri Architetti

Scritto da Redazione |

14 Maggio 2018

Lo studio Stefano Boeri Architetti e Artelia Italia, gruppo internazionale nel settore dell’ingegneria integrata, sono i protagonisti scelti dalla National Oil Corporation di Libia per progettare il nuovo grande Business District Bengasi

Un progetto imponente che coinvolgerà un lotto di sei ettari, una superficie costruita di circa 130.000 mq e sette edifici, per un investimento totale di 600 milioni di dollari: l’inizio dei lavori è previsto per il 2019

Il piano multidisciplinare integrato (che riguarda architettura, ingegneria e sostenibilità) messo a punto da Artelia Italia in collaborazione con Stefano Boeri Architetti prevede la costruzione di sette edifici principali, articolati in un complesso direzionale organico che ruota intorno all’immobile destinato all’headquarter della National Oil Corporation, il cosiddetto Diamond: una torre di 30.000 mq. 

Il nuovo grande quartiere polifunzionale comprenderà inoltre le nuove sedi della Central Bank of Libya, del Ministero del petrolio e del gas, gli uffici della società Brega e delle compagnie petrolifere internazionali, un centro congressi, un hotel da 250 camere, un centro sanitario, un mall, oltre ad una grande piazza coperta con ristoranti, bar e negozi, parcheggi e spazi esterni

I pilastri della strategia progettuale saranno infine il risparmio di risorse, l’efficienza energetica, la selezione dei materiali, l’illuminazione a ridotto consumo, la qualità dell’ambiente interno e l’utilizzo di sistemi che facilitino la gestione degli immobili

Edifici ad elevate prestazioni per un Paese che ha bisogno di rinascere. 

Questo articolo parla di:

Precedente

L’indagine di Milano Contract District sull’evoluzione dell’abitare

Successivo

Il nuovo spazio di Molteni Group a Parigi

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels
Architettura

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels

Nell’era delle grandi migrazioni anche l’hotel diventa nomade.  Si chiama Flying Nest l’ultimo visionario...

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem
Design

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem

La forza materica del cemento unita alla raffinatezza della trama tessile: si chiama TexCem il nuovo rivestimento Ragno che...

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna
Architettura

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna

Siete amanti di montagna e fotografia? Il nuovo Lumen Museum è il posto perfetto per voi.  Il museo, progettato...