L&L Luce&Light illumina The Camp in Francia L&L Luce&Light illumina The Camp in Francia
Architettura

L&L Luce&Light illumina The Camp in Francia

Scritto da Redazione |

05 Giugno 2018

Si chiama The Camp ed è il nuovo complesso europeo dedicato all’innovazione, inaugurato lo scorso settembre ad Aix-en-Provence in Francia e progettato dallo studio di architettura Corinne Vezzoni & Associés di Marsiglia: un incubatore di start up, centro di ricerca e sperimentazione sull''innovazione, dedicato alle nuove tecnologie e alle Smart City di domani, ispirato ad un “campo base” per gli “esploratori” del futuro.

Collocato nel contesto naturalistico della Provenza, The Camp è un complesso architettonico dal design minimale inserito con armonia nell’ambiente naturale: nei 10.000 mq di superficie coperta si trovano uffici, laboratori, dormitori, un anfiteatro, un ristorante e un bar, strutture sportive, persino spazi per la meditazione e giardini sperimentali; il corpo principale del complesso è costituito da una grande tensostruttura bianca di 7.500 mq ispirata alle tende nomadi e questa copertura accoglie 13 elementi realizzati in vetro curvato e cemento destinati all’incubazione di start-up.

L'azienda italiana L&L Luce&Light è stata coinvolta nell’intervento illuminotecnico curato dal prestigioso studio di lighting design 8’18’’- Concepteurs Lumière che, nello specifico, ha scelto di utilizzare i profili lineari Neva, i proiettori Siri e Pivot, i segnapassi Lira e i paletti Plin.

I profili lineari LED da esterno Neva 1.0 e i proiettori Pivot 1.6 sono installati lungo la circonferenza interna di due dei tre impluvium centrali della tensostruttura e indirizzano la luce verso terra per illuminare il giardino dei Cactus e “Olivier”, il giardino dell'olivo; inoltre Neva 1.0 è dotato di frangiluce installato per schermare l’emissione luminosa prodotta dai profili lineari e lasciare oltrepassare strisce luminose sulle aiuole circolari poste in corrispondenza di ciascuna apertura della copertura. 

Il proiettore Siri 3.0 delimita il perimetro ovale esterno della tensostruttura ed è dotato di vetro serigrafato bianco, il che rende poco percepibile l’apparecchio che si integra con la struttura architettonica grazie anche alla finitura bianca.

I segnapassi Lira 1.0 illuminano le zone di passaggio come il camminamento esterno dei dormitori - lato cortile e scale: posizionati inoltre nella zona dell’Arena utilizzata per concerti di musica classica, esaltano la zona centrale dello spazio e delineano la scalinata antistante il palco.

Infine, i paletti Plin 2.1, caratterizzati da un design semplice e minimale, sono stati scelti per illuminare la passerella accanto alla piscina: la testa inclinata di 90° incorpora la sorgente luminosa, l’emissione controllata verso il basso evita la dispersione della luce. 

Così Agnès Charvet, lighting designer di 8’18’’che ha curato il progetto: 

Abbiamo scelto di dare rilievo alla grande Tenda, una tensostruttura in tessuto bianco rispetto ad altri elementi architetturali. Questa è stata illuminata con lo scopo di ottenere luce indiretta ed esaltare la matericità della stessa tensostruttura. Ciascuno degli edifici che compone The Camp è realizzato nella parte superiore da una bolla in tessuto, ed è proprio in questi elementi che opera la luce. Nel livello terra degli edifici difatti, non compaiono apparecchi”.

 Perché, come da sempre dimostra il lavoro di L&L Luce&Light, la luce è materia prima dell’architettura.

Questo articolo parla di:

Precedente

Biennale Architettura, Piuarch al Padiglione Italia con il progetto “Latteria Sociale Valtellina”

Successivo

Il nuovo ristorante giapponese di Vudafieri Saverino Partners a Milano

Le nuove finiture metalliche di antoniolupi
Design

Le nuove finiture metalliche di antoniolupi

antoniolupi presenta le nuove finiture preziose pensate per arricchire le iconiche collezioni in Flumood del brand: il calore...

Slowear18, il mixology bar incontra il fashion store
Architettura

Slowear18, il mixology bar incontra il fashion store

Situato nel cuore di Milano (Via Solferino 18) e progettato dallo studio italiano Visual Display, Slowear18 è una nuova...

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite
Design

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite

Lo studio di architettura PEIA Associati ha di recente completato il restyling della prestigiosa Sala XIX delle Nazioni Unite a...