La villa con vista sul Lago di Lugano La villa con vista sul Lago di Lugano
Architettura

La villa con vista sul Lago di Lugano

Scritto da Redazione |

23 Novembre 2018

Una vita con vista. Un sogno che diventa realtà se vivete nella villa progettata da Attilio Panzeri & Partners e situata su un terreno affacciato sullo splendido lago di Lugano.

La suggestiva vista e la presenza incombente della massa rocciosa posteriore al sito hanno dettato i principi di inserimento dell’intero edificio:la villa si rapporta con la roccia (dalla quale origina) in un dialogo dinamico e, contemporaneamente, si protende verso il lago, stabilendo uno stretto rapporto con il paesaggio

L’edificio si presenta come un blocco di calcestruzzo faccia a vista pigmentato nero (colore derivante della roccia dal quale esso nasce) casserato con tavole grezze posate a correre: questa caratteristica rende la facciata movimentata, accentuando i giochi di pieni e vuoti delle aperture.

Inoltre, la luce che entra dalle aperture a tutta altezza, inonda e avvolge gli spazi interni della villa creando un ambiente caldo e accogliente: i serramenti in legno di rovere al naturale esaltano questa particolarità. 

Ancora, il contrasto interno tra il bianco dell’intonaco e il nero del calcestruzzo crea giochi suggestivi, sottolineati dalla continuità degli spazi e dagli scorci che la villa sapientemente offre. 

La villa si articola su tre livelli.

Il piano interrato ospita i locali tecnici, il garage e i candidi spazi abitabili destinati agli ospiti; grazie al colore bianco della resina dei pavimenti e degli intonaci delle pareti, essi acquistano una sorprendente lucentezza, affacciandosi su un patio esterno. 

La zona giorno si situa al piano terreno: un ampio soggiorno con un grande camino affaccia direttamente sul giardino che si protende verso la piscina, a sfioro sul paesaggio; il livello superiore è destinato alla zona notte: quattro camere da letto ed uno studio con bagni privati e guardaroba; d’altro canto, il tetto è piano con copertura in ghiaia nera. 

Grande importanza è stata assegnata alla composizione esterna, con una grande varietà di piante e con l’alternanza di pavimentazioni in teak e manto erboso; la pavimentazione della zona veicolare è realizzata con cubetti di granito che entrano nell’atrio di ingresso della villa, accentuando la continuità tra interno ed esterno. 

Infine, grazie ad un camminamento nella roccia si sale a un belvedere che offre una meravigliosa vista sul complesso e sul lago, in perfetta armonia con il paesaggio circostante.

Questo articolo parla di:

Precedente

Terracotta SanMarco, la movida romana sceglie il mattone

Successivo

ARCHITECT@WORK, il successo di Milano e la scommessa Torino per il 2019

Marazzi, la piastrella quattro volte curva di Gio Ponti in mostra al MAXXI
Design

Marazzi, la piastrella quattro volte curva di Gio Ponti in mostra al MAXXI

Negli spazi della mostra Gio Ponti. Amare l’architettura, inaugurata lo scorso 27 novembre al MAXXI Museo Nazionale delle...

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture
Design

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture

Materia, un nome che chiarisce fin da subito la vocazione di un oggetto in cui ad essere i protagonisti assoluti sono i materiali e...

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti
Architettura

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti

Pulita, semplice e rilassante. Con questi tre aggettivi l’architetto italiano Alfredo Vanotti descrive il suo progetto G...